Il Tirreno

Livorno

cambiano gli orari del modigliani 

Vaccini, rivoluzione Asl Prenotazioni spostate con un messaggino

M.S.
Vaccini, rivoluzione Asl Prenotazioni spostate con un messaggino

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





livorno. «La prenotazione del tuo vaccino Covid è confermata». Ieri, chi aveva fissato l'iniezione per il pomeriggio di oggi o per la mattina di domani al Modigliani Forum, si è visto recapitare sul telefono due messaggi inviati da Asl.

E così in molti, soffermandosi sulla “conferma”, hanno archiviato rapidamente la notifica.

Leggendo bene però, nelle due comunicazioni si leggevano orari diversi da quelli programmati, che magari erano stati scelti con cura per far combaciare gli impegni di lavoro con gli appuntamenti delle festività, tenendo conto di eventuali complicazioni successive al vaccino.

L'azienda sanitaria ha infatti anticipato al mattino le prenotazioni del 31 dicembre fissate per il pomeriggio, e posticipato al pomeriggio quelle fissate per la mattina del 1° gennaio.

Con una comunicazione sul sito ufficiale e sui propri profili social, l’azienda Usl Toscana nord ovest conferma infatti che oggi il centro vaccinale rimane aperto al mattino dalle ore 8 alle ore 13, mentre per Capodanno l'attività riprenderà nel pomeriggio, dalle ore 14 fino alle ore 19.

È quindi inutile presentarsi al PalaModì nei vecchi orari, perché i cancelli saranno inesorabilmente chiusi.

È invece utile stracciare il promemoria della prenotazione eventualmente già stampato e sostituirlo con il nuovo, già preparato. Il collegamento dal quale poterlo scaricare è riportato in uno dei due messaggi inviati da Asl.

La modifica unilaterale colpisce in particolar modo i residenti del resto della provincia, che avevano scelto il Modigliani in virtù della sua “disponibilità molto buona” (come indicata sul portale regionale) a fronte di una minore (o nulla) accessibilità dei centri vaccinali dei rispettivi Comuni.



Primo piano
Il fenomeno

Boato sulla costa, l’ipotesi-bolide: i dati e la prima analisi su cosa ha spaventato mezza toscana

di Luca Centini