Il Tirreno

Lavoro

Alitalia, al via la procedura di licenziamento per 2668 lavoratori

Alitalia, al via la procedura di licenziamento per 2668 lavoratori

Avranno la cassa integrazione straordinaria fino al 31 ottobre 2024

02 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Roma Scattano le procedure di licenziamento collettivo per 2668 lavoratori della vecchia Alitalia. La compagnia in amministrazione straordinaria hai inviato ieri, venerdì 1, alle organizzazioni sindacali di categoria e ai ministeri competenti una lettera nella quale comunica avvia, secondo quanto previsto dalla legge 223 del 1991, «l'avvio di una procedura che determina suo malgrado, licenziamenti per riduzione di personale». La misura riguarda 2668 dipendenti in cassa integrazione straordinaria a zero ore fino al 31 ottobre 2024, scadenza non ulteriormente prorogabile.

Ora partirà ora il confronto con le organizzazioni sindacali di categoria in sede aziendale e ministeriale. Il 7 dicembre prossimo, secondo quanto riferiscono fonti sindacali, è in agenda un incontro tra i commissari e i sindacati.
«All'esito della cessione del perimetro Aviation e delle conseguenti dimissioni del personale precedentemente impiegato nell'attività di volo», rimangono attualmente alle dipendenze dell'amministrazione straordinaria, riferisce la lettera, 2840 lavoratori, 2668 dei quali sospesi in cigs a zero e 172 impiegati, allo stato, dall'amministrazione straordinaria per le esigenze connesse al completamento del programma, la cui data di ultimazione, allo stato, è fissata al 15 gennaio 2024", si legge nella lettera. E «alla luce di tale quadro normativo, e fatta eccezione per le sole necessità operative dell'amministrazione straordinaria connesse al completamento dell'attività liquidatoria», Alitalia in ad «è impossibilitata al reimpiego dei lavoratori attualmente sospesi in cassa integrazione».
Nella lettera, i commissari ricordano anche tutti i provvedimenti di cigs assunti a partire dal 2017, anno in cui la vecchia Alitalia è stata posta in amministrazione straordinaria (2 maggio) fino all'ultimo decreto, il dl Asset che ha previsto, "al precipuo fine di accompagnare i processi di ricollocazione dei lavoratori dipendenti di Alitalia" l'ulteriore estensione, non ulteriormente prorogabile, del trattamento di integrazione salariale per il periodo dal 1° gennaio 2024 al 31 ottobre 2024, non ulteriormente prorogabile.

Primo piano
Maltempo

Meteo in Toscana, neve record fino in collina e 25 aprile col cappotto: le previsioni. Valanghe: scatta l’allerta

di Tommaso Silvi