Il Tirreno

Grosseto

Baseball

Bsc, il debutto nella poule scudetto. Serata da grandi firme allo Jannella

di Maurizio Caldarelli
Diego Luciani. Il giocatore del Bsc (Foto Noemy Lettieri)
Diego Luciani. Il giocatore del Bsc (Foto Noemy Lettieri)

Baseball A. Si parte oggi con i campioni d’Italia in carica del San Marino

26 maggio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





GROSSETO. Grandi stadi per grandi sogni: il Big Mat Bsc Grosseto debutta nella sua prima storica poule scudetto allo stadio Roberto Jannella. Si parte questa sera alle 20,30, contro i campioni d’Italia in carica del San Marino. Un avversario terribile per i biancorossi che potranno contare però sul fattore campo, sul supporto degli appassionati di baseball per provare a portare via almeno una partita ai ragazzi di Doriano Bindi, che hanno chiuso la fase di qualificazione con una sola sconfitta, in gara1 della quinta giornata contro Macerata. Quella che inizia stasera sarà una serie affascinante e impegnativa, inedita per il campionato di serie A, anche se lo scorso 17 settembre le due formazioni si sono affrontate nella semifinale di Coppa Italia, con il successo dei Titani per 6-1.

«Il cammino di questi ragazzi – dice Stefano Cappuccini, manager del Big Mat Bsc Grosseto – è cominciato molto tempo fa, quando erano solo dei bambini e senza neanche un diamante sul quale allenarsi, tanto che mossero i primi passi nel parco di via Giotto. Adesso, dopo anni di crescita e di duro lavoro, quei bambini sono diventati grandi e rappresenteranno la nostra città, con la sua storia e valori baseballistici, contro le più blasonate formazioni di questo Paese, giocando le gare casalinghe in uno degli stadi più iconici d’Italia, lo Jannella».

Gara due si svolgerà alle 16 di domani e sarà riservata ai lanciatori di scuola italiana, mentre gara tre comincerà alle 20,30 e la scelta dei lanciatori, come stasera, sarà libera. Potranno essere schierati stranieri e comunitari.

«Conosciamo le grandi capacità – prosegue Cappuccini – dei nostri avversari. Giocare contro i campioni d’Italia in carica è una grande soddisfazione, ma noi veniamo da una buona prima fase di stagione e ci giocheremo in tutti gli inning le nostre carte. Sarà importante mantenere alta la concentrazione, consapevoli che possiamo provare a dare del filo da torcere a chiunque».

Ieri pomeriggio i tecnici, in primis il pitching coach Alessandro Cappuccini, che torna nel suo stadio che lo elesse “The best italian pitcher” negli anni Ottanta, ha verificato le condizioni dell’infortunato Eddy Garcia Del Toro, che potrà garantire qualche ripresa come partente, permettendo una rotazione più tranquilla per tutto il trittico. Mattia Sireus e Joaquin Faria gli altri due probabili partenti, con Artitzu, Doba e Marquez rilievi. Il direttore generale del San Marino, Mauro Mazzotti, ha inserito nel roster due nuovi lanciatori: Nelson Hernandez, 26enne venezuelano, che sarà il partente di gara 1, e Temesh Lourens, 31 anni di Curaçao. Nel line-up dei Titani ci saranno anche il miglior battitore della prima fase, l’esterno centro Federico Celli (568) ed Erick Epifano, terzo a 485, finito davanti a Marcos Diaz (476), la stella del Bsc, con 4 fuoricampo e 18 pbc.

Il manager del San Marino, Doriano Bindi, affronta i grossetani con il massimo rispetto: «Squadra tosta, con parecchi giocatori di valore che possono incidere. Il girone? Impegnativo, ma meglio così, resteremo sempre concentrati per partite di livello. È vero, ne passano quattro su cinque e questo è uno scenario particolare, ma cominciamo».


 

Primo piano
Le sabbie mobili dei cantieri

Quante opere pubbliche stritolate fra burocrazia e soldi che mancano: i casi in Toscana, i tempi e i progetti

di Barbara Antoni