Il Tirreno

Grosseto

Calcio

Atletico Grosseto, la coppa è tua. Nyabaliy è decisivo dal dischetto

di Franco Ferretti
Atletico Grosseto, la coppa è tua. Nyabaliy è decisivo dal dischetto

La finalissima con l’Aurora Pitigliano si risolve ai rigori

24 febbraio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





GROSSETO. È l’Atletico Grosseto di mister Tammaro ad alzare al cielo la Coppa provinciale di terza categoria. Battuti ai rigori i pitiglianesi dell’Aurora. È Nyabaliy, che non sbaglia l’ultimo calcio di rigore, l’uomo che permette ai grossetani di portare a casa l’ambito trofeo. Dopo una maratona durata centoventi minuti, con i tempi regolamentari e i due supplementari chiusi sul risultato di 0-0, c’è voluta la classica “lotteria” dei calci di rigore per decidere la squadra vincente della finalissima di Coppa riservata alle squadre di Terza categoria. La lotteria questa volta ha sorriso all’Atletico Grosseto che vince per 4-3 e grida forte alla vittoria, dando così un senso, per certi aspetti, anche a questo “travagliato” campionato.

Ma veniamo alla cronaca della gara. Il Pitigliano parte senza i soliti titolari in attacco. Con Formiconi squalificato e Patané non in piena forma e quindi fatto entrare nel secondo tempo in quanto non aveva sulle gambe tutti i novanta e passa minuti della gara, l’Aurora è apparsa subito “spuntata”. Pronti, via e i grossetani partono forte. Già nei primi minuti mettono almeno in due occasioni in difficoltà la porta difesa dal pitiglianese Boccio. Poi la garacon il passare dei minuti si fa agonisticamente valida e combattuta, con un primo tempo equilibrato, con azioni di gioco da entrambe le parti che però non portano a nulla: il primo tempo termina così a reti bianche.

Nella ripresa è il Pitigliano a farsi più pericoloso. Mister Ercole fa entrare Patané e la differenza in attacco si vede subito. Il gioco dei pitiglianesi diventa più vivace. Tra alti e bassi, la gara poi scivola via verso il novantesimo senza altri sussulti. Si arriva così ai tempi supplementari con il risultato inchiodato sullo 0-0. Anche nei due extra-time il risultato non cambia con poche emozioni, a parte la traversa colpita da Patané nei primi minuti su calcio di punizione e il tiro dell’altro pitiglianese Mosci al quale risponde bene il portiere dell’Atletico Capasso che neutralizza. Un ultimo sussulto al 119’, quando il pitiglianese Boccio para un colpo di testa di Acri diretto in rete. La gara si chiude al centoventesimo con il risultato di 0-0.

Si arriva così alla classica “lotteria” dei rigori. Il primo a calciarlo è l’Atletico che lo sbaglia, lo stesso farà poi anche il Pitigliano. La tensione a questo punto la fa da padrona e come spesso succede in gara secca – e soprattutto nella lotteria dei calci di rigore –, dove non conta il divario e i punti in classifica, a fare la differenza ecco il singolo episodio e talvolta la fortuna, ma soprattutto i nervi saldi che uno riesce a tenere. Nei successivi tiri di rigore sia l’Aurora Pitigliano, sia l’Atletico Grosseto sbagliano alcuni calci di rigore. Si va così ad oltranza. Alla fine, in quello decisivo, l’Aurora sbaglia il proprio con Bacci, mentre l’Atletico lo segna con Nyabaliy che permette ai grossetani di vincere la sfida e alzare così l’ambito e prestigioso trofeo al cielo.


 

Le ultime
L’indiscrezione

«Troppa frociaggine nei seminari»: la frase choc di Papa Francesco