Il Tirreno

Grosseto

Ambiente

Laguna di Orbetello, migliaia di tonnellate di alghe: ecco perché può essere un rischio per l’ambiente

di Ivana Agostini

	La situazione nella laguna di Orbetello
La situazione nella laguna di Orbetello

Il punto della situazione, tra scenari e previsioni, nelle parole del biologo Mauro Lenzi

11 luglio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





ORBETELLO. «La laguna di Orbetello è come una “polveriera” pronta a esplodere». Lo sostiene Mauro Lenzi, biologo del Laboratorio di Ecologia lagunare e Acquacoltura (LEALab) a cui Il Tirreno ha chiesto come sarà l’estate per la laguna di Orbetello.
La stima
«Le previsioni per gli ambienti lagunari hanno sempre un grande margine di incertezza – esordisce il biologo – ancora di più se questi sono ambienti ipertrofici, cioè ambienti con una elevata disponibilità di nutrienti (fertilizzanti, per intenderci) come è il caso della laguna di Orbetello, cosa che li rende imprevedibili». Per il momento, almeno fino a questi giorni che stiamo vivendo, il grande caldo non è ancora iniziato cosa che ha aiutato la salute della laguna. «Bisogna dire però – aggiunge Lenzi – che abbiamo attraversato un periodo meteoclimatico molto favorevole: maggio e giugno sono stati mesi molto miti, con temperature fresche e anche piovosi, soprattutto maggio: 17% di giornate di pioggia su 60 giorni, con episodi anche molto intensi. Una situazione ben diversa dal maggio-giugno del 2022, in cui il caldo arrivò presto e con quello le distrofie, e in seguito, anche le sciamature di moscerini».

Rischi ambientali
Secondo Lenzi l’estate 2024 sarà più corta e questo, pur non escludendoli del tutto, ridurrà i rischi di criticità ambientali importanti. «Vanno, però, tenuti presenti due fattori negativi – spiega Lenzi - La stagione fresca ha consentito un prolungamento del periodo di accrescimento delle macroalghe. Soprattutto nella laguna di levante ci sono, a oggi, migliaia di tonnellate di Valonia aegagropila (chiamata “palla”, dai pescatori locali), un’alga facilmente deperibile con l’innalzamento termico. Molti orbetellani l’hanno vista arrivare lungo la costa del paese in galleggiamento e poi adagiarsi sul fondo per un’estensione di oltre un centinaio di ettari tra Orbetello e la Feniglia. Un altro elemento da tenere sotto controllo che potrebbe innescare la miccia delle crisi anossiche è il carico dei nutrienti presente in laguna che è altissimo. Ho effettuato le analisi nella zona centrale del bacino di ponente – continua il biologo – Ebbene il valore dell’azoto inorganico disciolto nelle acque era di 3,33 mg per litro e quello del fosforo inorganico disciolto di 0,1 mg per litro. Sono valori da scarico di un’attività produttiva. Questa ampia disponibilità di nutrienti sostiene l’enorme crescita delle macroalghe e le conseguenze che ne possono derivare quando le temperature si alzano. Praticamente i nutrienti rappresentano una sorta di combustibile per i batteri anaerobici che sono gli stessi che scatenano le criticità anossiche». Come a dire: la laguna sta bene ma è bene tenere gli occhi aperti e stare in campana.

Monitoraggio
La laguna di Orbetello da anni è sorvegliata speciale soprattutto in estate: la sua salute dipende dai venti e dalle temperature dell’acqua. Negli anni passati si sono via via verificati episodi anossici che hanno portato a piccole morie di pesce, nulla a che vedere con la grande moria del 2015. Ogni estate, però, gli orbetellani stanno col fiato sospeso sperando che non succeda l’irreparabile.

Primo piano
Il dramma sfiorato

Viareggio, bimbo di due anni rischia di annegare in piscina: salvato dall’intervento della bagnina

di Roy Lepore