Il Tirreno

Grosseto

Ambiente

Carta, legno, fanghi e plastiche, in Toscana il maxi polo che trasforma i rifiuti: dov’è e come lavorerà – Video


	Una veduta aerea dell'area che ospiterà l'impianto
Una veduta aerea dell'area che ospiterà l'impianto

Sorgerà in un’area della provincia di Grosseto dove sono iniziate le operazioni di bonifica di un vecchio impianto che sarà ammodernato totalmente

12 aprile 2024
4 MINUTI DI LETTURA





SCARLINO. Va avanti la bonifica dell'impianto di Scarlino, nella provincia di Grosseto, gestito da Iren Ambiente, società del Gruppo Iren.

La visita

Nella giornata di venerdì 12 aprile il presidente della Regione, Eugenio Giani, l’assessora regionale all'ambiente, Monia Monni, e l'assessore regionale alle attività produttive, Leonardo Marras, hanno effettuato un sopralluogo dell'area accompagnati dai sindaci e dai consiglieri regionali di zona oltre che dall'amministratore delegato di Iren Ambiente, Eugenio Bertolini, e dal responsabile sviluppo di Iren Ambiente, Luca Galimberti.

La doppia demolizione

Nel corso della visita all'area di cantiere Iren Ambiente ha annunciato l'avvenuta demolizione dei due vecchi camini del termovalorizzatore che occupavano il sito industriale e illustrato le prossime fasi della bonifica, la cui conclusione è prevista entro la fine del 2024. In questa fase, preliminare per l'avvio dei cantieri del nuovo progetto, è previsto il recupero e lo smaltimento di rottame metallico, coibentazioni, refrattari, inerti (dal cemento armato), oltre allo smaltimento dei terreni inquinati. A seguito dell'ottenimento della certificazione Iren Ambiente provvederà all'avvio del progetto per il Polo integrato di economia circolare, con un investimento di 150 milioni. 

Il progetto

Il progetto prevede l'installazione di quattro impianti: un impianto di trattamento pulper (scarti da cartiera) e plastiche di scarto non valorizzabili da impianti di recupero; un impianto di depurazione per il trattamento di rifiuti liquidi, che prevede l'ampliamento dell'impianto esistente di trattamento chimico-fisico con l'aggiunta della sezione di trattamento biologico, in grado di depurare flussi contenenti metalli e componenti organiche e ammoniacali; un impianto di trattamento del legno che trattando legno da raccolta differenziata sarà in grado di produrre prodotti finiti (pallet pressati) o componenti per la produzione di pallet (blocks); un impianto di trattamento fanghi mediante «hydro thermal carbonization», che produrrà un bio-carbone adatto per vari usi: come combustibile, materia prima equivalente per numerosi altri processi industriali, o fertilizzante. «È fondamentale per il Gruppo Iren condividere con i nostri stakeholder questo importante progetto, che prosegue senza sosta per riuscire a creare valore per i nostri territori, in un’ottica di economia circolare – dichiara l'amministratore delegato di Iren Ambiente Bertolini –. Grazie alla competenza, visione e serietà di Iren Ambiente, e di tutto il Gruppo, Scarlino avrà un impianto nuovo, in totale discontinuità rispetto al passato, “integrato”, cioè unitario ma con interazioni tra i vari ambiti e “circolare”, per generare prodotti dai rifiuti. Un nuovo polo di riferimento che , a pieno regime, coinvolgerà circa 150 risorse: una nuova vita per questa struttura, per l'ambiente circostante, e per l'intera comunità».

Le reazioni

«È emozionante vedere questo cambiamento – ha detto il presidente Giani –. La Toscana ha scelto di procedere senza indugio sulla rotta dell’economia circolare. La nuova programmazione regionale segue una strategia chiara, che mira al recupero e al riciclo dei materiali tratti dalla raccolta differenziata, con residui sempre più marginali, e al trattamento sempre più mirato e con tecnologie sempre più innovative degli scarti differenziati. Ora – ha aggiunto – vediamo cambiare anche Scarlino, un’area dalla forte vocazione produttiva, che sarà di nuovo protagonista dell'economia Toscana, grazie al nuovo Polo, capace di recuperare importanti materiali a servizio dei vari distretti. L’assessora Monia Monni spiega che a Scarlino «nascerà un luogo in cui materie scarti industriali saranno trattati e recuperati, una possibilità data dal progresso tecnologico che solo fino a qualche anno fa poteva sembrare utopia. Questo progetto è davvero esemplare, sia per il risultato, sia per il processo di reale ascolto del territorio, che ha portato all’abbandono dell’idea di un nuovo termovalorizzatore a favore di un polo tecnologico per il recupero della materia, un impianto importante e innovativo che, tra l’altro, conferma e dimostra la volontà della Regione di investire nel potenziamento industriale di una delle aree produttive più importanti della Toscana». «Il progetto del nuovo impianto di Iren – commenta l'assessore Marras – è un segno di speranza per il rilancio della zona industriale di Scarlino dopo le grandi difficoltà di questi mesi ed è una risposta concreta per il nostro territorio anche dal punto di vista occupazionale. Il Casone di Scarlino si arricchirà di una struttura tecnologica molto avanzata, al servizio della Maremma, ma anche di alcune tra le filiere industriali più importanti della Toscana, nel segno dell'economia circolare».

Le ultime
Il decreto

Dal governo via libera al Salva-casa: vetrate e sanatorie, le nuove regole