Il Tirreno

Grosseto

L’incidente

Tir sbanda, finisce nel fossato e perde 400 quintali di mattoni

di Ivana Agostini
Tir sbanda, finisce nel fossato e perde 400 quintali di mattoni

Orbetello scalo: per rimettere in piedi il mezzo sarà chiusa l’Aurelia

23 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





ORBETELLO. Fuori strada con carico di 400 quintali di materiale laterizio. È successo due sere fa lungo l’Aurelia all’altezza di Orbetello scalo, in direzione sud, prima dello svincolo che collega la statale alla provinciale 161 che porta a Orbetello.

Un tir è finito fuori strada e si è piegato su un fianco e il materiale che portava è finito, in parte, nella striscia di terra che funge da spartitraffico fra la corsia nord e sud dell’Aurelia.

Le cause sono in corso di accertamento: con molta probabilità le ruote dell’autoarticolato potrebbero essere finite in banchina e quest’ultima potrebbe aver ceduto sotto il peso del mezzo che era a pieno carico.

Illeso il conducente del mezzo.

Sul posto è intervenuta la polizia stradale che è tornata anche il mattino dopo per un sopralluogo alla strada e al mezzo.

Sulla corsia di sorpasso è stata collocata l’opportuna segnaletica per la sicurezza della viabilità.

Non appena sarà possibile il mezzo dovrà essere rimesso in piedi e il carico rimosso. Questa operazione richiederà la chiusura dell’Aurelia in quel tratto visto che sarà necessaria una gru per rimettere in piedi il tir. Molto probabilmente le fasi di rimozione saranno fissare non appena il traffico lungo l’arteria diminuirà. In questi giorni, visto l’avvicinarsi delle feste, sono molte le auto e i mezzi pesanti che transitano lungo la statale. Non è la prima volta che in quella zona un autoarticolato perde il carico: era il luglio 2019 quando, sempre all’altezza dello svincolo per Orbetello, un tir andò fuori strada perdendo il carico. In quel caso la merce finì sull’Aurelia che venne chiusa per permettere ai mezzi di soccorso di ripulire la strada per farla tornare percorribile. Il conducente del mezzo rimase ferito. l


 

Primo piano
Bolkestein

Concessioni balneari, la Toscana “brucia” Roma: c’è l’indennizzo per chi perde l’asta. Chi esulta e chi è perplesso

di Mario Neri