Il Tirreno

Empoli

Commercio

Torna il “Forno di Montaione”: la famiglia Tognetti investe

di Giacomo Bertelli
Nella foto il capannone che verrà attrezzato per ospitare il Forno di Montaione
Nella foto il capannone che verrà attrezzato per ospitare il Forno di Montaione

Nei locali dove c’era lo stabilimento Cerealia verrà allestito il nuovo panificio. Entro pochi mesi l’installazione dei macchinari e il progetto per le assunzioni

26 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





MONTAIONE. Prenderà il nome di 'Forno di Montaione' e porterà sul territorio posti di lavoro, riportando così una attività storica, il panificio, a Montaione. A scrivere un'altra pagina di questa storia d'amore e lavoro è la famiglia Tognetti che da oltre 70 anni, di generazione in generazione, porta il nome di Montaione in giro per l'Italia e nel mondo. Adesso, a distanza di 4 anni, nei locali dove un tempo si trovava lo stabilimento 'Cerealia', si tornerà a respirare l'aria del pane, che si era interrotto nel 2020 a seguito di un trasferimento nel comune di Castelfiorentino da parte di Unicoop. A distanza di 4 anni il pane torna a 'casa'.

E' stata la stessa famiglia Tognetti a intraprendere nuovamente questo percorso, frutto di una volontà imprenditoriale che vede ancora una volta un significativo ricambio generazionale, oltre che dare sempre più centralità al paese di Montaione, dove da sempre si sono insediati e hanno iniziato a crescere. Pane, vino, prodotti agricoli e salumi: un lungo e ricco paniere di realtà sparse nel territorio che dà lavoro a oltre 50 persone. Con la riapertura del panificio, prevista nei prossimi mesi, si procederà a future assunzioni, le quali saranno definite molto presto.

La famiglia Tognetti sta intensificando i contatti per i macchinari e le future collaborazioni. Una ventata di ottimismo e lungimiranza che permetterà alla famiglia Tognetti di dare nuova vita e far respirare alla comunità locale il profumo del pane. Un nuovo investimento che porterà, oltre a una ventata di nostalgia, importanti investimenti in termini di macchinari, oltre che una ventata di ottimismo con assunzioni nel territorio di Montaione. Per una realtà, quella della famiglia Tognetti che guarda sempre di più alla sostenibilità ambientale per quanto riguarda l'utilizzo delle energie rinnovabili, in chiave di energia elettrica e rifornimenti idrici. «Vogliamo essere più indipendenti e nel giro di qualche anno aumentare l'uso di fonti rinnovabili in tutti i nostri processi. Cerchiamo di fare attenzione ai piccoli dettagli, come ad esempio i packaging dei nostri stessi prodotti», spiega la famiglia Tognetti.

Una filiera che adesso si arricchisce anche di un'altra nicchia, fondamentale per l'ecosistema dell'ambiente, come l'apicoltura, dove adesso sono le nuove generazioni ad interessarsene. Una crescita quella della famiglia Tognetti che è arrivata fino all'isola del Giglio dove sono state scelte delle terre per dar vita a un nuovo vino. La realtà Tognetti è una delle realtà più longeve del territorio, nata nel 1957 per volontà di Gino Tognetti, ottava generazione di montaionesi doc. Fu lui a rilevare un negozio di alimentari che aveva, pensate, anche un forno a legna. Dai cento chili di pane sfornato ogni giorno si passò in breve a moltiplicare la produzione, fino ad arrivare, negli anni d’oro, a 300 quintali ogni ventiquattr’ore. C'è un legame indissolubile tra la Toscana e la famiglia Tognetti. Ben otto generazioni si sono succedute nel quotidiano impegno del lavoro dei campi, quasi che lo spirito più vero e profondo di queste terre sia entrato a far parte del patrimonio genetico di ogni suo componente.

Negli anni le esperienze tramandate tra i membri della famiglia hanno condotto alla valorizzazione e all'affinamento delle produzioni agroalimentari dei propri poderi, arrivando a produrre prodotti di assoluta eccellenza. Ripercorrendo l'albero genealogico della famiglia Tognetti è possibile risalire al Veneto. La famiglia, originaria di questa terra, ora ha diramazioni in varia zone d'Italia e in giro per il mondo. Il progetto Tognetti con la Napa Valley nasce quando, a distanza di secoli, due rami della stessa famiglia si sono ritrovati a produrre vino in due parti diverse del mondo. Oggi le due famiglie vivono una in America, precisamente in Napa Valley in California e una nel cuore della Toscana. Si tratta di due produzioni complementari, i Tognetti in Napa Valley con la produzione di vino bianco e i Tognetti in Toscana con la produzione di vini rossi.
 

Primo piano
Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»

Lo studio

Comuni più ricchi d’Italia, una sorpresa in Toscana – La classifica completa e i dati per ogni regione