Il Tirreno

Lutto

Rosignano Solvay piange Lida, storica commerciante di calzature

di Alessandra Bernardeschi
Rosignano Solvay piange Lida, storica commerciante di calzature

Negli anni ’60 Perini aveva fondato col marito il negozio alle Cinque Strade: il ricordo della figlia

11 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





ROSIGNANO. L’intera comunità ricorda con affetto Lida Perini, storica commerciante di Rosignano Solvay, morta domenica all’età di 86 anni circondata dall’affetto della famiglia. Una donna, che assieme al marito Umberto Ticciati, ha fatto la storia del commercio soprattutto quello che, attorno agli anni Sessanta, si è sviluppato nel quartiere delle Cinque Strade. Fino a che l’età e la salute glielo hanno permesso, Lida Perini è rimasta accanto ai suoi clienti che l’hanno apprezzata per la sua bontà e per la sua estrema simpatia.

Negozio storico

«La mia mamma – racconta Teddy Ticciati che ha rilevato, ampliandola, l’attività della famiglia – era nata a Laiatico, erano 12 fratelli. Ha conosciuto mio padre alla Melatina dove era andata a ballare. È stato subito un colpo di fulmine. Dopo sposati hanno aperto, nel 1961, l’attività di vendita di calzature alle Cinque strade». Lida Calzature era un negozio conosciuto da tutti: «Hanno iniziato la loro attività in un fondo commerciale di 25 metri quadrati poi, piano piano, sono arrivati a gestire tre negozi. Babbo, soprattutto all’inizio, si occupava dell’amministrazione, mamma della clientela. Aveva un carattere aperto, socievole, era una donna buona e simpatica. Clienti e amici le volevano bene proprio per questo motivo. Non mancava mai di rivolgere battute scherzose ai clienti ed era sempre pronta ad aiutare tutti gli altri. I commercianti delle Cinque Strade, così come i residenti, a quei tempi si conoscevano tutti, eravamo una grande famiglia».

«Stimata da tutti»

Una donna stimata da tutti per la sua serietà, ma anche per la sua eleganza. «Mamma ha sempre tenuto tanto al suo aspetto – dice Teddy Ticciati – non usciva mai di casa se non era ben vestita e truccata. Ci ha chiesto di metterle il rossetto quasi fino alla fine. Era una donna forte – ricorda il figlio – si è spenta piano piano nel suo letto attorniata da tutti noi. E per questo devo ringraziare anche colei che l’ha seguita fino alla fine».

L’ultimo saluto

Amava la sua famiglia, soprattutto le due nipoti Erica e Martina. L’attività, in questi anni, è portata avanti dal figlio Teddy, dalla moglie Stefania e dalle nipoti di Lida Perini. Questa mattina si terrà una funzione nella cappella del cimitero di Rosignano Marittimo «poi il corpo sarà cremato – dice il figlio – e le ceneri saranno deposte all’interno della tomba di babbo. E, visto che amavano tanto passeggiare, voglio immaginarli di nuovo sottobraccio accompagnati dal loro amato cane Roy». I commercianti e tutta la comunità di Rosignano Solvay in queste ore si stanno stringendo attorno alla famiglia Ticciati attraverso ricordi affettuosi e messaggi di condoglianze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Il caso

Livorno, l’evaso dal carcere ripreso alla stazione di Roma Tiburtina