Il Tirreno

Torna l’evento dell’anno: la Settimana velica è iniziata

Torna l’evento dell’anno: la Settimana velica è iniziata

Dopo lo stop del 2020 con una sola gara effettuata, nel 2021 il calendario della manifestazione si presenta ricco di appuntamenti

28 aprile 2021
4 MINUTI DI LETTURA





Nonostante le molte difficoltà legate all’emergenza sanitaria in tempi di Covid, non si è fermata la macchina organizzativa della Settimana velica internazionale Accademia Navale e Città di Livorno che anche quest’anno è tornata a essere uno degli eventi di maggior richiamo della stagione. Dopo l’edizione 2020, con la gran parte delle regate annullate a causa della pandemia, l’edizione 2021 torna a dare spazio a un gran numero di gare, tutte altamente spettacolari e competitive anche se, come purtroppo già noto da tempo, è stato cancellato anche per quest’anno l’appuntamento internazionale della Naval Academies Regatta che avrebbe visto sfidarsi di fronte alla terrazza Mascagni gli equipaggi delle accademie di almeno quattro continenti su derive monotipo (Tridente 16), con avvicendamento degli equipaggi in mare.

La settimana velica ha preso il via ufficialmente sabato 24 con la quattro classi di regata previste per questa edizione: Firerace Under 20, Flying Junior, Tridente 16 e Vele d’Epoca.

Domenica 25 alle 12 è invece partita la Regata dell’Accademia Navale (RAN), che si chiuderà domenica 2 maggio. Giunta alla quarta edizione, questa impegnativa prova d’altura è organizzata dallo Yacht Club Livorno e dall’Accademia Navale con il supporto dello Yacht Club Costa Smeralda per il passaggio a Porto Cervo e dello Yacht Club Capri per il cancello da doppiare davanti all’isola azzurra. La rotta abbraccia gran parte del mar Tirreno ed è tra le più interessanti regate mediterranee lungo l’impegnativo percorso di oltre 600 miglia.

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40209356:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40209356:1652956859/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

L’edizione 2021 vede al via la totalità degli allievi ufficiali di vascello del quarto anno dell’Accademia, suddivisi in quattro equipaggi a bordo di altrettante unità della Marina Militare: Stella Polare, Corsaro II, Capricia e l’ammiraglia dello sport velico Orsa Maggiore. Gli equipaggi si daranno battaglia fino a domenica 2 maggio. Come nelle precedenti edizioni, anche nel 2021 i concorrenti regateranno nel rispetto dei principi condivisi della Charta Smeralda, il codice etico per la tutela dell’ambiente marino promosso dalla One Ocean Foundation e sottoscritto dalla Marina Militare e dal Comitato Circoli velici livornesi nel 2019. A sancire questo impegno morale, il trofeo One Ocean messo in palio dallo Yacht Club Costa Smeralda per la prima imbarcazione che transiterà in tempo reale al cancello di Porto Cervo.

È invece atteso per il prossimo weekend il debutto in mare dei regatanti delle classi J24 presso la Lega Navale Italiana sezione di Livorno, ILCA presso il Circolo Nautico di Livorno e degli Optimist presso il Circolo di Antignano che chiuderanno la settimana assieme alla conclusione della RAN, con l’arrivo di tutte le imbarcazioni presso lo Yacht Club di Livorno, da dove sono partite.

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40209357:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40209357:1652956859/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

CECINA

Il Porto di Cecina tra presente e futuro: uno snodo centrale per la diportistica d’avanguardia

La posizione centrale, praticamente in mezzo alla provincia di Livorno e nel cuore della Costa Etrusca costituiscono un’attrattiva importante per il Porto di Cecina. Un hub turistico vicino non solo alle città d’arte e i borghi più richiesti della Toscana, ma anche al cuore gourmand della regione: i vini di Bolgheri. Le trasformazioni in corso e gli interessanti progetti in divenire hanno trasformato e stanno rendendo quello che era un semplice porticciolo in un’autentica realtà del settore, che si propone nel tempo di diventare un punto di riferimento per i diportisti amanti delle nostre coste.

Su un’area di 26.000 mq, 10.000 mq sono già operativi dal novembre 2013 una serie di servizi cantieristici offerti dalla società Cantieri di Cecina srl, figlia dell’unione tra le più qualificate aziende del settore nautico locale: il rimessaggio invernale per imbarcazioni fino a 25 metri di lunghezza, insieme a tutti i servizi specializzati per la cura e la personalizzazione delle imbarcazioni. Questi i servizi già operativi: alaggio e varo, rimessaggio su piazzale, coperture termoretraibili, verniciature, lavori in vetroresina, in legno, tappezzeria, lavori elettrici, assistenza tecnica qualificata su ogni tipo di motore, manutenzione e riparazione di motori marini e molto altro. Il Porto di Cecina è in continuo sviluppo e si propone, una volta ultimati i lavori, di poter ospitare 800 posti per imbarcazioni fino a 40 metri.

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40209358:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40209358:1652956859/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

CASTIGLIONCELLO

Una delle realtà più antiche, ancora tre la prime 100 d’Italia

TESTO: Il Circolo Nautico di Castiglioncello rappresenta una delle realtà più longeve della regione, essendo stato fondato nel 1949 e con questo invidiabile record è senza dubbio uno dei primi club velici che hanno visto la luce nel nostro paese. I servizi del circolo comprendono: ormeggi per imbarcazioni da 4 mt a 10 mt; rastrelliera in spiaggia per canoe e spazi per derive; scuola vela per adulti e ragazzi riconosciuta dalla Federazione Italiana Vela; attività sportiva e organizzazione regate. Una realtà piccola, ma che con grande impegno e passione è riuscita negli anni a ritagliarsi uno spazio di assoluto rilievo, tanto che pochi mesi fa il Circolo Nautico di Castiglioncello è stato inserito dal portale farevela.net, uno dei più autorevoli del settore, nei primi cento circoli nautici d’Italia per le scuole. Il circolo ogni anno organizza un nutrito calendario di regate e una scuola di vela, riconosciuta dalla Fiv, per adulti e bambini. La scuola estiva è particolarmente richiesta perché permette ai genitori di affidare i bambini a istruttori federali per imparare ad andare a vela. Proprio all’inizio della stagione estiva si parte con la scuola di vela, affidata a istruttori federali, con il massimo rispetto delle normative igieniche in tempi di pandemia.

 

Primo piano
di Matteo Scardigli

Corriere scomparso, ritrovato il cadavere durante il sopralluogo alla villetta ad Arcidosso. I misteri ancora da chiarire