Il Tirreno

Sos criminalità

Livorno, rapinato in piazza Grande da due persone armate di coltello

di Stefano Taglione
Due carabinieri durante alcuni controlli (foto d'archivio)
Due carabinieri durante alcuni controlli (foto d'archivio)

L'uomo, di circa 40 anni, è stato derubato di un cellulare di 20 euro che aveva addosso. Sull'accaduto indagano i carabinieri

23 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Lo avrebbero avvicinato in piazza Grande, rapinandolo con un coltello. Choc in centro poco dopo la mezzanotte fra lunedì 22 e martedì 23 aprile, dove un quarantenne pachistano è stato derubato del suo cellulare e di 20 euro che aveva addosso da due persone, descritte alle forze dell’ordine come nordafricane, che poi si sono date alla fuga. La vittima per chiedere aiuto ha immediatamente chiamato il 112, con il personale della centrale unica regionale di emergenza di Firenze che ha mobilitato i carabinieri.

Una pattuglia dell’Arma è quindi sopraggiunta in zona per ascoltare il cittadino asiatico e avviare le indagini per dare un volto e un nome ai banditi. Il rapinato per fortuna era, sebbene molto spaventato, in buone condizioni di salute e non ha ritenuto opportuno chiedere i soccorsi del 118 per essere accompagnato in ospedale. Al vaglio degli inquirenti ora vi sono le telecamere comunali, nella speranza che possano aver ripreso in tutto, o almeno in parte, la scena.

I militari dell’Arma, per i loro accertamenti, potrebbero anche chiedere le registrazioni degli impianti di videosorveglianza privati, dato che i due banditi avrebbero agito a volto scoperto e, insieme alla testimonianza della vittima, in questo potrebbero essere riconosciuti senza dubbi. Non chiari, al momento, i motivi dell’aggressione e della successiva rapina: non si può escludere infatti che i tre già si conoscessero e avessero questioni pregresse da affrontare, culminate purtroppo nella violenza. 

 

Le ultime
Cibo e pericoli

Cereali ritirati dai supermercati italiani: si rischia di soffocare

Cinema in Toscana