Il Tirreno

Versilia

Fratoianni e Bonelli davanti al Twiga: “Le spiagge sono di tutti”

Luca Basile
Fratoianni e Bonelli davanti al Twiga: “Le spiagge sono di tutti”

I leader di Alleanza Verdi Sinistra in Versilia per lanciare la proposta di legge : il 70% degli arenili deve essere libero

29 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PIETRASANTA.  “Le spiagge devono essere beni comuni. E per questo motivo siamo venuti qui davanti al  Twiga per lanciare una proposta di legge che come Alleanza Verdi Sinistra abbiamo depositato in Parlamento”.  Parole di Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli, AVS, che stamani, mercoledì 29 maggio, hanno incontrato cittadini e stampa all’ingresso del locale di Flavio Briatore a Marina di Pietrasanta.

“Questa nostra proposta di legge dichiara che  le spiagge italiane sono beni comuni inalienabili dello Stato. Il Twiga è uno stabilimento balneare che paga 21mila euro l'anno ma fattura 8 milioni di euro. In totale - ha evidenziato Bonelli -  tutte le concessioni demaniali dello Stato italiano pagano allo Stato 100 milioni di euro, ma fatturano 10 miliardi di euro. La Meloni  ha aumentato la lunghezza delle coste italiane di 3mila chilometri  per evitare di mandare a gara tutte le concessioni demaniali marittime. Al tempo stesso intende mandare a gara e privatizzare le ultime spiagge libere del nostro Paese. Noi, come Avs  proponiamo che il 70% delle spiagge sia libero e che i canoni siano aumentati del 300%”.

A confrontarsi vivacemente con Bonelli e Fratoianni anche alcuni balneari, uno dei quali sventolava lo slogan “ no Aste”: fra i concessionari presenti Roberto Santini patron del  Bagno Piero di Forte dei Marmi. AVS ha lanciato una campagna di raccolta firme, a sostegno della proposta di legge, durante i mesi estivi.

Primo piano
Incidenti stradali

Prato, perde il controllo della moto e si schianta contro un albero: morto a 49 anni