Il Tirreno

Versilia

disastro ferroviario 

Ferrara (M5S): «Uno sfregio la nuova nomina per Moretti»

Donatella Francesconi
Ferrara (M5S): «Uno sfregio la nuova nomina per Moretti»

L’intervento del senatore dopo quello dei familiari delle vittime della strage  del 2009: «Ci batteremo  affinché non abbia seguito»

27 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





viareggio. Fa discutere la nomina di Mauro Moretti, già amministratore di Ferrovie dello Stato, condannato in primo e secondo grado per il disastro ferroviario di Viareggio del giugno 2009, 32 vittime, e rinviato a nuovo processo di Appello dalla Corte di Cassazione, a consigliere della partecipata statale “Psc”. Una nomina di passaggio – sottolinea Gianluca Ferrara, vicepresidente del gruppo Movimento 5Stelle al Senato – «che lo porterà alla carica ben più importante di amministratore del colosso delle costruzioni, del quale parte delle quote sono in possesso di Fincantieri e di Simest, società del gruppo Cassa Depositi e Prestiti».

Si tratta – continua Ferrara – «di un ulteriore sfregio alle famiglie delle vittime della strage di Viareggio, che a 12 da quel doloroso disastro vedono ancora l’ex numero uno di Ferrovie imperversare sulle plance di comando di società di pregio dello Stato. Questo, nonostante una condanna in primo e in secondo grado per reati gravi quali disastro ferroviario e omicidio plurimo colposo. Del resto, il nostro Paese non si è degnato neanche di togliere a questo signore il Cavalierato del Lavoro, come richiesto più volte da noi del M5s».

Cavalierato che a Moretti assegnò nel giugno 2010 – quando ancora non era stato celebrato il primo anniversario della strage di Viareggio – l’allora presidente della repubblica Giorgio Napolitano, il quale proprio a Viareggio aveva presenziato alle esequie solenni celebrate per venti delle vittime.

«La dignità dei familiari delle vittime non può continuare ad essere calpestata in modo così becero», sono le parole di Ferrara: «Quella di Viareggio resta una ferita sanguinante nella storia del nostro Paese: ci auguriamo che i vertici di “Psc” e quelli delle società che ne detengono quote se ne rendano conto. Ci batteremo affinché questa nomina di Moretti non abbia seguito: di premi ne ha avuti già troppi». —

Donatella Francesconi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Incidenti stradali

Prato, perde il controllo della moto e si schianta contro un albero: morto a 49 anni