Il Tirreno

Fanpage: Grimaldi (Avs), 'parole agghiaccianti contro Ilaria Salis'

27 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 27 giu. (Adnkronos) - "Mi importa poco vedere sulla picca le teste dei ragazzi di Fratelli d’Italia e, purtroppo, non mi aspettavo di vedere nulla di diverso in quell’inchiesta condotta da Fanpage. Ricordiamoci che anche il fascismo storico presentava due facce. Allora chiedo conto ai dirigenti di quel partito, che non comprendono che se l’Europa si indigna e li rifiuta è perché altrove le coscienze sono sveglie e la memoria è viva, perché si sono fatti i conti con la storia. Li facciano anche loro, una volta per tutte, se vogliono essere considerati interlocutori politici rispettabili. E Meloni la smetta di atteggiarsi a Calimero, sostenendo che l'Europa le ha voltato le spalle". Lo afferma Marco Grimaldi, dell’Alleanza Verdi Sinistra. "Noi con i fascisti abbiamo chiuso i conti nel ‘45, se i loro eredi vogliono interrompere questa triste assonanza col passato - prosegue il vicecapogruppo dei deputati rossoverdi -si dichiarino, pratichino gli ideali costituzionali, diventino realmente antifascisti e prendano atto una volta per tutte che in Italia comunisti, democristiani, socialisti e liberali sono stati i veri patrioti che hanno costruito la nostra Repubblica". "Se non si riconoscono in frasi come 'non ho mai smesso di essere razzista e fascista' o 'dico a Orban che Ilaria Salis deve marcire in galera con i topi e i ratti che le mangiano i piedi' lo dicano chiaramente, invece di coltivare il loro vivaio all’insegna del neofascismo per poi esibire un’altra faccia all’esterno. Un’altra faccia solo fino a un certo punto. Perché non sono gli esponenti della giovanile, ma i Crippa che enfatizzano i crimini dei partigiani o i La Russa, seconda carica dello Stato, - conclude Grimaldi - che non riescono ad applaudire le parole di un attore che declama l’ultimo intervento di Matteotti".
Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport