Il Tirreno

Toscana

Calcio e rivalità storiche

La Fiorentina perde e in Fi-Pi-Li spunta lo striscione sfottò dei pisani: «Benvenuti al mare campioni di bocce»

di Tommaso Silvi

	Lo striscione affisso sul cavalcavia in Fi-Pi-Li
Lo striscione affisso sul cavalcavia in Fi-Pi-Li

Nella mattina di giovedì 30 maggio all’altezza di Pisa Nord Est i sostenitori nerazzurri hanno ironizzato sulla sconfitta dei rivali di sempre nella finale di Conference League, vinta dai greci dell’Olympiacos

30 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PISA. C’era da aspettarselo. E puntuale, è arrivato. In una parola: sfottò. Quello che anima lo sport in generale, e in modo particolare il calcio. La Toscana è terra di campanili, e la rivalità sportiva tra Pisa e Firenze è una delle più radicate nel tempo. Così, il giorno dopo la sconfitta dei viola nella finale di Conference League – con il gol decisivo dei greci dell’Olympiacos segnato a soli quattro minuti dalla fine dei supplementari – ecco che i tifosi nerazzurri hanno manifestato tutta la loro gioia per la seconda finale europea consecutiva persa dai viola. Come? Con uno striscione in Fi-Pi-Li. Anzi, più di uno. 

Gli striscioni

Uno striscione è stato affisso all’altezza di Pisa Nord Est, in direzione Firenze. Sul cavalcavia. C’è la data della finale persa dalla Fiorentina (mercoledì 29 maggio, ndr) e poi la scritta: “Benvenuti al mare campioni di bocce”, facendo riferimento alla strada che molti fiorentini percorrono per recarsi nelle località balneari della costa toscana. Poco distante, un altro striscione, stavolta dai contenuti meno goliardici e più offensivi: “Firenze m***a”. E subito si sono moltiplicate le foto scattate dagli automobilisti e postate sui social.

Il precedente

Anche i fiorentini in passato hanno utilizzato la Fi-Pi-Li per sfottere i rivali pisani, in particolare quando il Pisa fallì il salto in Serie A perdendo la finale playoff col Monza. Era il 2022 e, ironia della sorte, anche in quel caso era il 29 maggio. 

Primo piano
Lavoro e diritti

Amadori annuncia il licenziamento di 200 lavoratori in Toscana: sciopero il 20 giugno