Il Tirreno

A tavola con noi
Le cantine

Bianco top La Regola: l’azienda di Riparbella debutta a Verona

di Maria Meini
Luca e Flavio Nuti, titolari del podere La Regola
Luca e Flavio Nuti, titolari del podere La Regola

Valore aggiunto sono i metodi dell’agricoltura biologica e la sostenibilità ambientale

04 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Dopo il cru “La Regola” Igt Costa Toscana Rosso, un Cabernet Franc in purezza, e i molti altri successi enologici, compreso L’Eccezione, spumante Brut nature metodo classico con uve Manseng e Chardonney, l’azienda di Riparbella, tra la costa dei bolgheresi e la via degli Etruschi, tiene a battesimo un nuovo grande bianco: “La Regola” Costa Toscana Bianco IGT 2021, un blend di Chardonnay e Sauvignon Blanc, prodotto in 3.000 bottiglie. «Avevamo notato subito le particolarità e la qualità di queste due varietà di uve nei nostri terreni fossili composti di sabbie plioceniche, argilla, e limo, lungo il fiume Cecina - racconta Flavio Nuti, titolare dell’azienda insieme al fratello Luca Nuti -. Così, dagli inizi degli anni 2000, abbiamo intrapreso il percorso per realizzare un grande bianco che fosse paritetico per qualità e struttura ai nostri rossi. Il blend di Chardonnay insieme al Sauvignon blanc si è dimostrato l’uvaggio più adatto per ottenere un vino di buona complessità aromatica e longevo».

L’idea «era di fare un vino bianco ancora più iconico rispetto al nostro “Lauro”, ottenuto da uve Viogner e Chardonnay, già noto ed apprezzato per qualità sia dalla critica che dal mercato». In cantina, dopo una selezionata cernita manuale delle uve e una pressatura soffice, il mosto effettua la fermentazione alcolica separata dei due vitigni, sia in anfora che in speciali barriques di rovere francese di primo e di secondo passaggio. L’affinamento prosegue negli stessi vasi vinari sulle fecce fini con continui battonage, senza far svolgere fermentazione malolattica, per preservarne freschezza e verticalità. L’affinamento in totale dura circa 8-10 mesi, al termine dei quali, dopo l’assemblamento in tini di acciaio, il vino riposa in bottiglia per almeno 12 mesi prima della commercializzazione. L’annata 2021 sarà presentata al Vinitaly, in programma dal 14 al 17 aprile, ed entrerà in commercio in questo mese. Il vino si presenta di colore giallo dorato brillante, denso, con un’eleganza percepibile già all’olfatto dove si esprimono profumi di fiori bianchi che lasciano spazio a sentori più decisi di frutta tropicale. In bocca si avverte una bella freschezza con una spiccata nota sapida che permane nell’aroma di bocca in modo persistente. Un vino, La Regola bianco IGT 2021 che esprime la vocazione di questo territorio costiero delle colline di Riparbella. Valore aggiunto sono i metodi dell’agricoltura biologica e la sostenibilità ambientale, senza tralasciare l’aspetto culturale in cui il vino diventa arte e quest’ultima diventa a sua volta parte integrante della cantina. Emblema di questo messaggio è la barricaia de La Regola: 46 metri di pittura dove il maestro Stefano Tonelli esprime il “Sogno del vino” e la sua “gestazione”. Una grande opera che richiama ogni anno appassionati da tutto il mondo. La struttura della cantina, progettata dall’architetto Sergio Scienza, è totalmente ecosostenibile. Podere La Regola ha realizzato anche un volume di ricette e vini coinvolgendo i maggiori chef del territorio toscano “La Regola degli Chef” ed ha promosso un concorso letterario, “La Regola della Letteratura”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Turismo

Il ponte del 25 aprile? Sulle piste a sciare: «Nevicata eccezionale». Ecco gli impianti aperti in Toscana