Il Tirreno

la storia di piombino 

“Sui passi di Elisa” Un tocco artistico per abbellire il Belvedere

“Sui passi di Elisa” Un tocco artistico per abbellire il Belvedere

Sì al progetto esecutivo per la realizzazione dell’opera commissionata a Marina Meoni

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO. Giunge alla fase finale il percorso di “Sui passi di Elisa”.

Dopo il concorso che prevedeva una Chiamata a raccolta di artisti su tutto il territorio nazionale e la vittoria della giovane Marina Meoni, è stato approvato il progetto esecutivo per la realizzazione dell'opera site specific (specifica di un sito) in uno degli angoli più suggestivi della città, che questa amministrazione aveva intitolato proprio alla principessa di Piombino.

Il costo complessivo dell’opera ammonta a 35 mila euro.

«Lo scopo di questo progetto è di far abitare il Belvedere dall’arte contemporanea: sarà un richiamo fisico e ideale a percorrere la piccola via che porta ad affacciarsi sul mare – ha detto il sindaco Francesco Ferrari –. Lo scorso anno con “Sui passi di Elisa” abbiamo voluto avviare un complesso e articolato percorso dedicato alle espressioni del contemporaneo: questa prima edizione del progetto ha visto la giovane artista Marina Meoni aggiudicarsi il bando e, finalmente, cittadini e visitatori potranno veder realizzata un'opera che ha lo scopo di accompagnarli attraverso i luoghi che la principessa di Piombino ha abitato».

Incastonato in un angolo vicino alle Mura leonardesche, il Belvedere Elisa Bonaparte ospiterà la lettura in chiave artistica proposta da Meoni: si tratta di uno dei luoghi più cari ed amati dalla Baciocca, che proprio immediatamente sopra al belvedere, a picco sul mare, aveva scelto di far costruire la sua reggia a Piombino.

Nei prossimi giorni sarà affidato l’incarico per la realizzazione dei lavori, che cominceranno nei primi mesi del 2022. Un progetto nel quale il Comune di Piombino crede molto per valorizzare le radici storiche della nostra città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Primo piano
Scuola

Maturità, le tracce della prima prova: Ungaretti, Pirandello, l’atomica e i social