Il Tirreno

Prato

In città

Prato, ragazza aggredita in centro: la polizia arresta un trentenne

Mezzi della polizia in piazza Mercatale durante un’operazione di controllo: nella stessa piazza si è consumato un tentativo di violenza mercoledì pomeriggio (foto archivio)
Mezzi della polizia in piazza Mercatale durante un’operazione di controllo: nella stessa piazza si è consumato un tentativo di violenza mercoledì pomeriggio (foto archivio)

L’episodio avvenuto in piazza Mercatale in pieno giorno

27 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PRATO. È successo in pieno giorno nei giardini della centralissima piazza Mercatale a quell’ora frequentata da persone. Ma nella stessa zona si trovavano anche le pattuglie della polizia, impegnate in uno dei controlli recentemente implementati con particolare attenzione alle aree urbane maggiormente sensibili per la sicurezza pubblica, e questo ha consentito di intervenire in tempo reale mentre si stava consumando un crimine ai danni di una donna e di arrestare l’autore dell’aggressione, responsabile di violenza sessuale, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale.

L’aggressione
È successo tutto mercoledì 24 aprile, attorno alle 14,15 quando, nel corso dell’attività di prevenzione della volante di zona, transitando in piazza Mercatale gli agenti hanno notato in lontananza, all’interno dei giardini pubblici, un uomo e una donna in atteggiamento insolito, poiché avvinghiati in una modalità che faceva intuire un tentativo della donna di liberarsi dalla presa dell’uomo che, quindi, la cingeva contro la sua volontà. Immediatamente gli operatori sono scesi dall’auto di servizio per andare verso i giardini e qui hanno accertato che l’uomo aveva afferrato una donna, di nazionalità cinese e contro la sua volontà la stava cingendo a sé, palpando le parti intime nonostante il disperato tentativo della malcapitata di fuggire alla presa del suo aggressore.

L’intervento e la cattura

L’immediato intervento degli agenti ha consentito materialmente di porre fine alla consumazione del reato liberando la donna, in lacrime e disperata, dalla violenta presa dell’uomo mentre quest’ultimo, vistosi scoperto, ha simulato un malore sdraiandosi a terra cercando di resistere al bloccaggio degli agenti. La vittima dell’aggressione, visibilmente e comprensibilmente scossa e sconvolta per l’accaduto è stata accompagnata in ospedale per le cure del caso e refertata con tre giorni di prognosi. L’aggressore, identificato per un cittadino di nazionalità pakistana di 37 anni, pregiudicato, irregolare in Italia e con in atto la misura di presentazione alla polizia giudiziaria in relazione a precedenti specifici, è stato accompagnato in questura e in questa circostanza ha opposto una resistenza strenua, cercando di provocarsi delle lesioni e rendendo necessario l’intervento di personale medico. Al termine dell’intervento e della ricostruzione dei fatti, data flagranza di reato di violenza sessuale e della chiara intenzione da parte della vittima di procedere nei confronti dell’autore del reato, come poi formalizzato in sede di querela, l’uomo è stato arrestato e su disposizione del magistrato portato in carcere in attesa dell’udienza di convalida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime
Pianeta scuola e università

Ferrari, Don Abbondio e colesterolo: cosa c’è nel test di Medicina e quando usciranno i risultati