Il Tirreno

Pisa

Il caso

Pisa, furgone della penitenziaria speronato: lo scontro e l’allarme dell’agguato (poi rientrato)

di Tommaso Silvi
Pisa, furgone della penitenziaria speronato: lo scontro e l’allarme dell’agguato (poi rientrato)

Fuori strada anche una Fiat: l’incidente è avvenuto lungo via del Brennero. Detenuti e agenti sono finiti in un fosso

22 febbraio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





SAN GIULIANO. Lo speronamento, il furgone della polizia penitenziaria con tre detenuti all’interno che finisce nel fosso insieme a un’altra auto. L’allarme evasione, il sospetto dell’assalto studiato a tavolino per favorire la fuga dei carcerati.

L’arrivo delle forze dell’ordine, la strada chiusa, attimi di apprensione. Poi un sospiro di sollievo e la situazione che è tornata alla normalità. È stato un martedì mattina movimentato quello di San Giuliano. Per un incidente che ha visto tre mezzi coinvolti: uno di questi è il van utilizzato per il trasporto dei carcerati.

Lo scontro

Lo schianto – la cui dinamica è al vaglio delle autorità competenti – è avvenuto in via del Brennero, a trecento metri dal semaforo nelle vicinanze del campo sportivo di San Giuliano. La ricostruzione arriva da parte del comandante della polizia municipale di San Giuliano, Daniele Nocchi. «Il conducente di una Fiat ha effettuato una manovra di sorpasso su un tratto di rettilineo della in direzione Lucca nei confronti di un mezzo della penitenziaria. In direzione opposta – prosegue Nocchi – proveniva un’altra vettura, che è entrata parzialmente in collisione con il conducente del veicolo in sorpasso. A seguito dell’urto quest’ultimo veicolo, nel chiudere repentinamente la manovra di sorpasso, ha agganciato il mezzo della penitenziaria. Tutti e due i veicoli sono quindi finiti oltre l’argine posto alla loro destra, con fuoriuscita dalle carreggiate e ribaltamento degli stessi nell’acqua del canale a lato della strada».

L’allarme

Nei momenti immediatamente successivi allo scontro, le forze dell’ordine hanno seriamente valutato la possibilità che si trattasse di un agguato studiato nei particolari per agevolare la fuga dei tre detenuti sul furgone della penitenziaria, tanto che sul posto si sono subito recate – oltre alle auto della municipale – anche due volanti della polizia di Stato. Non ci è voluto molto, però, a capire che si era trattato di “semplice” incidente. I detenuti sono stati tutti riaccompagnati in carcere, dopo un veloce passaggio dal pronto soccorso dell’ospedale. Quattro agenti della penitenziaria hanno riportato ferite lievi – così come il conducente della Fiat – , mentre per due poliziotti le ferite sono più serie. Uno addirittura dovrà sottoporsi a un intervento chirurgico ortopedico. La strada è rimasta chiusa al traffico fino alle 10,30.

Il sindaco

Sull’episodio interviene il sindaco di San Giuliano, Sergio Di Maio: «Grazie al comandante Nocchi e agli agenti che lo hanno supportato in una situazione complessa».

Vicinanza

La Cisl ha espresso vicinanza agli agenti protagonisti dell’incidente. Parole di conforto sono arrivate dal segretario generale confederale, Dario Campera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La sentenza

Pisa, morto a 52 anni per l’amianto respirato sulle navi della Marina: la figlia risarcita dopo 24 anni

Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»