Il Tirreno

Pisa

Il volley pisano e nazionale piange la morte di Claudio Grassini

di Davide Ribechini
Il volley pisano e nazionale piange la morte di Claudio Grassini

Malato di Sla, aveva 71 anni. Oggi alle 14.30 i funerali in Santa Caterina

22 febbraio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





PISA. La scomparsa di Claudio Grassini ha sconvolto la comunità pallavolistica di Pisa e provincia, ma erano molto gli ambiti in cui la sua figura era conosciuta e apprezzata, non ultima l’Università, dove aveva lavorato fino alla pensione, nel laboratorio di Ingegneria Civile. Nativo di San Giuliano, era malato da tempo di Sla (Sclerosi laterale amiotrofica): ha lottato contro l’incedere della malattia con lo stesso piglio con cui, dalla panchina, studiava gli avversari e preparava le contromosse, mantenendo una lucidità, una capacità di analisi e una serenità che non poteva non impressionare chi gli stava accanto quotidianamente. Non si nascondeva, Claudio, al contrario, cercava il contatto e la conversazione. Si è spento all’improvviso all’Ospedale S. Chiara, dove era ricoverato da qualche giorno per l’insorgere di complicazioni. Aveva 71 anni. Lascia la moglie Adelina, che gli è stata accanto con dedizione incredibile, e i figli Marco e Riccardo, anch’essi sempre al suo fianco, entrambi pallavolisti, il primo ex atleta, il secondo attualmente in organico nella serie B di Pontedera. La cugina Federica Grassini gli è stata accanto in questi mesi e ha patrocinato la pubblicazione del libro autobiografico “Buona fortuna, fratello mio”. Lo ricorda così: «Claudio è stato un grande esempio di coraggio e di coerenza: ha saputo stravolgere una condizione di paralisi senza via di scampo, in un atto di vita straordinario che in parte è rappresentato dal libro creato sulla sua storia, ma per lo più dalla sua voglia di sfruttare ogni occasione possibile per godere della compagnia degli affetti e dei tanti amici, in allegria e in convivialità. Nello sforzo di sostenerlo in un momento complicato, in realtà abbiamo ricevuto da lui più di quanto abbiamo dato e stargli accanto è stata una grande lezione di vita ed il suo lascito più bello che custodiremo per sempre in suo ricordo». Questo il ricordo del segretario generale del Centro universitario sportivo Pisa, Rosario La Spina: «Claudio, con cui ho condiviso da dirigente l’esperienza in serie A del Cus, è stato una delle persone del mondo del volley alle quali sono rimasto più legato, sempre schietto e diretto nei rapporti e disposto ad ogni sacrificio, anche economico, pur di mantenere un impegno preso. La pallavolo toscana perde non solo un grande tecnico ma soprattutto un uomo speciale, che il Cus ricorderà sempre con grande affetto per i valori che ha saputo profondere». La polisportiva del Cherubino lo ricorda anche con una nota ufficiale del presidente e del consigli direttivo: «Il Cus Pisa piange la scomparsa di un suo storico allenatore, nonché carissimo amico». Sugli stessi toni il Presidente del Migliarino Volley, Cristiano Mariani: «Lo immagino lassù con mio padre, Lamberto, a mangiare una “mari e monti” come nel primo loro incontro, nel 1991, quando iniziò ad allenare da noi». Claudio Grassini è stato a Migliarino per moltissimi anni «e tutti hanno momenti che lo ricordano. Anche durante la malattia non esitava a chiedere notizie dalla palestra, per dare indicazioni e sicurezze agli allenatori». I funerali si terranno a Pisa, presso la Chiesa di Santa Caterina, oggi, mercoledì 22 febbraio, alle 14.30.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La tragedia

Pisa, muore pallavolista di 32 anni a tre giorni dal malore in campo durante un torneo

di Andreas Quirici