Il Tirreno

Sanac, lavoratori ancora in strada

Sanac, lavoratori ancora in strada

La protesta dell’Usb alla presenza di Giorgio Cremaschi: corteo e traffico rallentato per chiedere la nazionalizzazione

17 febbraio 2023
1 MINUTI DI LETTURA





MASSA  Ancora una protesta  e la  richiesta di nazionalizzazione della Sanac, l’azienda  dell’indotto ex Ilva che  rischia la   chiusura, con la  perdita di 100 posti di lavoro sul territorio,  per mancanza di  commesse. A promuovere la  manifestazione ieri pomeriggio  è l’Usb (Unione sindacale di base) alla  presenza del sindacalista Usb Nazionale Giorgio Cremaschi. Terminato il turno, lavoratori  e sindacato alle  17 hanno  raggiunto   una vicina rotonda, rallentando il traffico e  chiedendo un immediato intervento  dello Stato.  Il corteo ha   poi   proseguito   fino al vicino casello autostradale, in segno di protesta, ma  senza  occupare l’autostrada. 

Primo piano
Bolkestein

Spiagge all'asta, la Toscana “brucia” Roma: c’è l’indennizzo per chi perde l’asta. Chi esulta e chi è perplesso

di Mario Neri