Il Tirreno

Lucca

L’incidente

Lucca, morto a 48 anni nello schianto in moto: ricostruita la dinamica

Lucca, morto a 48 anni nello schianto in moto: ricostruita la dinamica

Un indagato per omicidio stradale. L’inchiesta della Procura sulla tragedia stradale di San Lorenzo a Vaccoli

29 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. Non è stata eseguita l’autopsia sul corpo di Edoardo Salatini, il 48enne deceduto lunedì sera sulla via Nuova per Pisa nello scontro tra la sua moto e un furgoncino all’altezza del cimitero di San Lorenzo a Vaccoli.

Il magistrato di turno ha ritenuto che le cause della morte dell’uomo siano chiare e non ci sia, quindi, la necessità di procedere con l’esame autoptico. La salma da ieri mattina è a disposizione dei familiari per la celebrazione dell’ultimo saluto.

In parallelo la Procura ha iscritto sul registro degli indagati con l’ipotesi di reato di omicidio stradale il conducente del furgoncino che, diretto verso Lucca, ha svoltato a sinistra per entrare in via Arnolfini. Sottoposto all’alcoltest è risultato negativo.

In quell’istante fatale la Yamaha condotta da Salatini, che procedeva in direzione del Foro di San Giuliano, ha impattato contro la fiancata destra del mezzo.

Quello che è successo negli attimi successivi è una carambola dall’esito mortale. Nell’informativa della polizia municipale viene ricostruita la dinamica tra manovra del furgoncino e velocità della moto.

Sotto choc il pensionato, di San Lorenzo a Vaccoli, appena sceso dal veicolo che è stato sequestrato con la Yamaha. E anche ieri mattina chi lo ha incontrato e ci ha scambiato alcune parole lo ha visto provato per quello che era accaduto di fronte al cimitero.

Salatini viveva nel quartiere di San Concordio. Ieri nella residenza della vittima dell’incidente, i familiari si sono stretti in doloroso riserbo.

P. B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Primo piano
Il caso

Livorno, evade dal carcere delle Sughere: chi è e come è riuscito a scappare

di Stefano Taglione