Il Tirreno

Lucca

L’incidente

Lucca, in coma a 20 anni dopo lo schianto in moto

di Luca Tronchetti
Lucca, in coma a 20 anni dopo lo schianto in moto

Motociclista si scontra con una Panda dopo un sorpasso e viene sbalzato contro una colonna dell’arco del Nottolini a Sorbano

19 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. È intubato, in coma farmacologico, a causa di un gravissimo trauma cranico e lotta per la vita all’ospedale Cisanello.

Sono ore cruciali per Jeremy Bianchi, 20 anni, residente a Sorbano del Giudice che ieri pomeriggio alle 15,30 in sella a una moto da cross senza targa Kawasaki Kx di color verde si è schiantato contro l’arco dell’acquedotto del Nottolini, a poche centinaia di metri dalla sua abitazione. L’incidente, stando ai primi lievi, si è verificato dopo che la moto si è scontrata con una Fiat Panda color canna di fucile condotta da un automobilista sui cinquant’anni subito dopo un sorpasso effettuato dal conducente dell’utilitaria.

Alla dinamica ha assistito un coetaneo del ventenne rimasto gravemente ferito che lo seguiva a pochi metri di distanza anche lui in sella a una moto da cross. É stato lui, assieme all’automobilista che si è subito fermato dopo l’impatto, il primo a soccorrere l’amico e a dare l’allarme alla centrale operativa del 118. Sul luogo dell’incidente sono andati gli agenti della polizia municipale per effettuare i rilievi. Poco dopo è arrivata anche Deborah Favilla Piercecchi, la madre cinquantenne del ragazzo, oltre al fratello e alla sorella rispettivamente di 26 e 25 anni.

I fatti

I vigili urbani – che invieranno gli atti al sostituto procuratore Laura Guidotti – dovranno stabilire, al di là della direzione di marcia e delle eventuali infrazioni al codice della strada, anche la velocità a cui viaggiavano i mezzi. Dai primi riscontri sembra che, dopo l’urto tra la moto da cross e l’utilitaria, la Kawasaki sia letteralmente volata via. Schizzata e rimbalzata su una delle colonne dell’arco dell’acquedotto del Nottolini sopra il cartello che indica il ristorante “Casina delle Rose” per poi finire accanto alla sede stradale. Bianchi è stato sbalzato contro l’altra colonna, dalla parte opposta la sede stradale, con il casco del centauro è stato trovato a pochi metri di distanza. Di certo c’è che i giovani motociclisti stavano viaggiando dal campo sportivo di Sorbano in direzione di S. Concordio.

Arriva l’elicottero

Subito i soccorritori hanno capito la gravità delle condizioni del ragazzo. E, oltre all’automedica, è stato fatto alzare in volo l’elicottero Pegaso che è atterrato nei campi adiacenti al luogo del sinistro. Il centauro è stato intubato e caricato sull’elicottero alla volta del nosocomio pisano. Sul posto anche una volante della polizia per chiudere, per circa un’ora, il tratto di strada interessato al drammatico incidente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
L’incidente

Gavorrano, scontro fra tre macchine: tre persone ferite e portate in ospedale