Il Tirreno

Lucca

l’evento 

Trekking, domenica si inaugura il sentiero “La via del grano”

E.A.
Trekking, domenica si inaugura il sentiero “La via del grano”

16 settembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





BAGNI DI LUCCA. Si inaugurerà domenica alle 7,30 a Ponte a Serraglio, in località Camaione, “La via del grano”, il nuovo sentiero aperto dal gruppo trekking Pegaso, che già aveva ripulito, tabellato e messo a disposizione degli appassionati i sentieri chiamati “Via degli Avi” e “Via dei Pastori” nell’area tra Montefegatesi e il Prato Fiorito, oltre alla “Via dell’acqua” nel capoluogo della Villa.

Il nuovo tracciato è lungo nove chilometri, con un dislivello di 400 metri e richiede tre ore e mezzo per essere completato. Il sentiero parte dalle sponde del torrente Camaione, prosegue su una antica mulattiera e arriva all’oratorio della Madonna della neve sulla via per Granaiola. Da lì si raggiunge l’omonimo paese (il cui nome è ispirato alla coltivazione del grano, tipica nella zona fin dall’antichità) dove il percorso attraversa il paese lungo quello che era il “castello”. Da Granaiola, sempre camminando su un vecchio sentiero recuperato, si arriva Fornoli, in località “La Chiusa”, all’oratorio di Santa Maria Assunta.

Il percorso consente di ammirare suggestive corti e case medievali fino a raggiungere il Ponte delle Catene, il primo ponte soseso in Italia (XIX secolo) realizzato dall’architetto Lorenzo Nottolini. La camminata prosegue verso il cimitero e, percorrendo via di Lima, tocca l’antica cartiera Ghilardi, dove fu installata la prima centralina per la produzione di energia elettrica, nel 1855.

Il sentiero va avanti fino a Villa Elena e al Piccolo Tivoli, una casa bianca con tre porte del XIX secolo, che ha ospitato Gioacchino Rossini e la cantante lirica Malibran quando frequentavano la struttura delle Terme. La conclusione è alla foce del torrente Camaione, dove fu costruito il ponte con filari di pietra grigia e rosa voluto dal duca Carlo Lodovico di Borbone. Alla prima camminata, informa Monica Martinelli del gruppo Pegaso, ci sono già cento persone prenotate. Chi vuole fare l’escursione può chiamare Monica al 329 964 1149.

L’impegno costante del gruppo Pegaso ha dato a Bagni di Lucca nuove attrattive naturalistiche che hanno portato un consistente afflusso per tutta l’estate. I sentieri sono ben segnalati e dispongono di pannelli illustrativi, tutti fatti a mano utilizzando il legno.

E.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La decisione

Studenti manganellati a Pisa e Firenze: rimossa una dirigente del reparto mobile

Le nostre iniziative