Il Tirreno

Livorno

Brutta Libertas perde la testa

di Fabrizio Pucci
Brutta Libertas perde la testa

La difesa non morde e Rieti (con soli 6 uomini in rotazione) trova troppi canestri facili Gli amaranto allungano a +7 nell’ultimo quarto ma negli ultimi 2 minuti rovinano tutto

11 febbraio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO In questo giochino neanche la Virtus Bologna può pensare di vincere giocando da Virtus per soli cinque minuti su quaranta. Figuriamoci la Libertas che fa di ginocchia e gomiti sbucciati il proprio credo e nel non mandare in fiducia nessuno: nemmeno un’avversaria scarsa (e priva di Roderick e Cusenza) come Rieti che – incredula dinanzi a cotanta dabbenaggine – ha incartato e portato a casa due punti insperati.

Per la verità la truppa di Ponticiello ci ha messo anche tanto del suo: non si è scomposta quando la Libertas ha provato a scappare (4-9) e non ha mollato quando gli Amaranto sembravano essere padroni dell’inerzia e della partita (58-65 al 35’). E il cuore dei Sabini, alla lunga li ha premiati. E poco importa che gli arbitri abbiano consentito loro di praticare un basket spesso oltre i limiti del regolamento. E nemmeno i 22 falli fischiati ai livornesi contro i 14 ai fabbri reatini, con un saldo di +14 liberi tirati dai padroni di casa rispetto agli ospiti.

Quello delle omissioni arbitrali è il classico alibi dei perdenti e perdente – come filosofia e stile di vita – non è un libertassino che sia uno presente su questa terra.

Resta fermo il fatto che la Libertas nel primo quarto ha faticato da matti in attacco dove si è aggrappata al tiro da 3. Al 10’ i 13 (sic!) punti amaranto sono stati frutto di 4 triple e un tiro libero con un misero 0/6 da 2 figlio di un attacco pasticciato e frenetico.

Peggio ancora la seconda frazione dove sono stati concessi 24 punti a una squadra con poco talento, ma capace di trasformare Cavallero in Curry (13 punti con 3/3 da 3, poi scout immacolato) e Markovic in Lebron James: roba da non credere che ha portato la doppia L all’intervallo lungo a -7: divario tutto sommato accettabile colmabile per quanto (non) visto in campo.

Nella domenica amaranto senza senso, Rieti si era vestita da Libertas e viceversa con i ragazzi di Andreazza in preda di una ingiustificata frenesia in attacco che ha prodotto poco: al 20’ zero punti segnati per Fantoni, Bargnesi e Williams per citare uno dei dati più eclatanti.

Il terzo quarto vede qualche spruzzata d’amaranto: 10-2 di break e cortomuso avanti (42-43) infischiandosene della difesa adeguata e appiccicosa di Ponticiello. Rieti però c’è e riparte: contro parziale di 10-2 e partita di nuovo nelle sue mani. Andreazza getta nella mischia Buca che intasa le vie aeree più di una sinusite a gennaio. Rieti si blocca, Lucarelli da 3 fa 55 pari, poi a cavallo delle ultime due frazioni la Libertas scappa: sale a +7 sul 58-65 e la vittoria, nonostante tutto (ma proprio tutto tutto), sembra essere a portata di mano. Tuttavia c’è un però grande come il PalaSojourner: Fratto e Allinei pasticciano sul possesso del potenziale +9, e Rieti risale a -2 (63-68) ricacciata indietro dall’unico lampo di un appannato Williams (63-68). La partita della LL finisce tecnicamente qui. Sul 70-68 Fantoni segna in tap in e subisce fallo, ma gli arbitri gli fischiano un assurdo fallo in attacco. Rieti trema dalla lunetta, ma la Libertas ormai ha provveduto da sola a staccare la spina dal proprio respiratore.

La NPC festeggia, gli Amaranto meditano e spiegano, perché perdere ci sta (qui è scivolata anche la Pielle, Herons ha perso a Caserta), ma perdere così indispettisce e toglie qualche ora di sonno. Per fortuna si rigioca tra un paio di giorni. Serviranno occhi della tigre e intensità spalmata sui 40’, perché cinque non bastano nemmeno se sei la Virtus.
 

Primo piano
Emergenza idrica

In Toscana manca l'acqua: dall'Elba alla Lunigiana, ecco tutti i progetti per non restare a secco

di Francesco Paletti
Le nostre iniziative