Il Tirreno

Livorno

Teatro Enzina Conte

A Livorno Marco Conte mette in scena Williams. Arriva "Un Tram che si chiama desiderio"

A Livorno Marco Conte mette in scena Williams. Arriva "Un Tram che si chiama desiderio"

Cinque repliche al Vertigo e un grande impatto emotivo, il regista: "Il pubblico per due ore si sentirà dentro lo spettacolo"

22 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Livorno Cinque repliche per un testo di grande impatto emotivo al Vertigo di via del Pallone 2, teatro Enzia Conte. La compagnia Vertigo presenta “Un Tram che si chiama desiderio” con la regia di Marco Conte. Si parte venerdì 23 febbraio alle 21 con repliche sabato 24 alle 21, domenica 25 alle 17, sabato 2 marzo alle 21 e domenica 3 marzo alle 17.

Ambientato del sud degli Stati Uniti, Il Tram che si chiama desiderio, è la storia di Blanche Dubois che, disperata per aver perso la proprietà di famiglia a causa dei debiti che ha accumulato, si rifugia a casa della sorella Stella, trasferitasi anni prima a New Orleans e che ha sposato Stanley Kowalsky un polacco, rozzo, primitivo ma molto innamorato della moglie Stella, che si trova in dolce attesa. Il rapporto tra Blanche e Stanley sarà molto difficile e conflittuale, ma Blanche cerca di resistere perché nel frattempo conosce Mitch, amico di Stanley, nel quale vede una speranza di rinascita. Gli eventi porteranno ad un finale sconcertante e di grande emozione.

«Ho voluto realizzare una versione integrale – dice il regista Marco Conte – in passato altre produzioni hanno tagliato alcune scene e alcuni personaggi minori; Non mi sembrava giusto ed ho quindi lasciato tutte le scene, e potendo contare sugli attori della scuola, ci saranno anche i personaggi e figurazioni descritti dall’autore. La nostra è una messinscena che avvolgerà il pubblico per due ore e mi auguro che si sentirà così “dentro la scena” da emozionarsi gioire e soffrire con i personaggi. Non è la prima volta che metto in scena Williams, ho iniziato negli anni ’80 con “la Gatta sul tetto che scotta” con Eleonora Zacchi e Riccardo De Francesca, poi nel 2015 con “Lo Zoo di vetro” con Annalisa e Gianluca Arena e Silvia Peluso. Per realizzare il Tram… ho atteso che mi capitasse un cast adatto, e finalmente ho trovato degli attori fantastici, tutti provenienti dalla nostra scuola di arti sceniche».

I protagonisti sono: Gaia Volpe (Blanche) Leonardo Demi (Stanley) Eva Donati (Stella) Andrea De Frenza (Mitch) Eleonora Di Rienzo (Eunice) Andrea Liguori (Stive) Cristian Grechi (Pablo) e poi Tiziano Pettirossi, Flore Bouche Noukimi, Gilberto Gabardi, Francesca Nobile, Asya Arimondi e con Marco Miraglia, Gregorio Cordoni, Natnael Brazzalotto. Assistente alla regia e grafica Giulia Socci. Scenografia di Patrizia Coli, disegno Luci di Ugo Zammit, costumi di Claudia Baroni. Scelta musicale di Marco Conte.

Info: Per prenotazioni telefonare allo 0586210120 (anche con segreteria telefonica).
 

Primo piano
La tragedia sul campo da calcio

Morte di Mattia Giani, l'inchiesta: tutti i punti da chiarire su cui sta indagando la procura

di Matteo Leoni
Sportello legale