Il Tirreno

Livorno

L’influencer della musica

Livorno e la sua influencer-cantante: Giada Robin lancia “Gnockstar”

di Francesca Suggi
Livorno e la sua influencer-cantante: Giada Robin lancia “Gnockstar”

Un milione di follower, la ex regina dei Cosplay presenta il suo ultimo album: «Invita ad amare sé stessi e a seguire i propri sogni»

31 gennaio 2024
4 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Per tutto il mondo social dove da tempo sta raccogliendo followers e consensi, lei è Giada Robin. Al secolo Giada Pancaccini, l’artista livornese, influencer da un milione di follower su Facebook e 336mila fan su Instagram e cantante,  torna alla ribalta con una bella novità, l’uscita del nuovo album “Gnockstar”.

"Non sono una popstar, non sono una rockstar: sono una gnockstar”: si racconta Robin svelando la sua identità musicale, come è nata la sua passione per la musica e come si è sviluppata nel corso degli anni. Il suo è un album dal titolo ironico ed accattivante ma dall'animo profondo, che scava oltre la superficie e che va contro ogni giudizio spesso legato all'apparenza, specialmente nei confronti della donna. 

Il titolo deriva infatti da “Gnocca” che è un modo simpatico per descrivere una bella ragazza ma anche dal greco antico “Gnosis” che significa conoscenza. «So di non essere una popstar o una rockstar, ma un qualcosa di diverso che non può essere etichettato negli standard. Ho un sound tutto mio che non per forza deve essere compreso. Molte volte sprechiamo tempo ed energie per farci accettare o cercare di emergere secondo le logiche del mondo, quando alla fine basta essere solo sé stessi», racconta Giada Robin, ex cosplayer e modella che anni fa decise di lanciare nel suo primo album dal titolo "Feel Alive" debuttando nel mondo della musica come cantante. «L'idea del titolo mi è venuta leggendo i commenti degli haters. Alcuni dicono che ho successo solo per le mie forme mettendo la mia musica in secondo piano. Per una volta ho voluto assecondarli», la bella livornese ci scherza su. E presenta le sue 10 tracce alla ricerca della propria stella interiore.

I temi delle canzoni 

Le canzoni scritte in inglese sono principalmente di stampo dance pop ma con molte influenze rock. Un mix di generi per raccontare la sua storia e descrivere al meglio la sua personalità. Nella canzone “Disco maniac” ad esempio, i suoi genitori sono disco-dipendenti e la fanno innamorare giovanissima della discoteca e della regina del pop Madonna, ma da ragazzina Giada Robin è una ribelle dall'animo gotico e vuole essere più una "Barbie Metal Queen" sulle note di Marylin Manson. 

E' come se Giada Robin si dividesse e poi si riunisse in due diverse nature: quella allegra, sognante e giocosa che possiamo chiamare la natura pop e quella sexy, ribelle e più oscura che possiamo chiamare la natura rock. Ma la cantante non si limita a descrivere le tante sfumature dell'ego. Uno dei temi principali dell'album infatti è la dualità dello spirito, quello che qualcuno definirebbe il bene ed il male. Tra le canzoni più discusse "Jesus dna" e "Jade Pancakes", che  fanno riflettere inevitabilmente sul concetto di passione e giustizia universale.

La ballata del disco "Queen of Pain" è un inno all'accettazione di sé stessi, spesso messi in dubbio da preoccupazioni esterne ed inaspettate difficoltà. Mentre "Meditation" invita a fermarci a riflettere sulla nostra vita, talvolta uscendo dalla nostra confort zone. Il disco si chiude poi con "Get Up & Dance" e "Rollercoaster", canzoni che parlano di sogni perché per Giada sono quelli che, tra alti e bassi, rendono la vita entusiasmante e per cui vale la pena lottare.    

Popstar e influencer

Dall'erotismo di Madonna ai look eccentrici alla Lady Gaga, Giada Robin sembra rifarsi a quella delle popstar anni 90-2000 in pieno stile americano eppure ci tiene a farsi riconoscere rivendicando la sua italianità a partire dal titolo dell'album e con diversi tributi al cinema Spaghetti Western sia sulla copertina che nei video musicali. In copertina al posto del microfono una forchetta per ricordare al mondo che siamo maestri in cucina e sulla forchetta c'è uno gnocco a forma di stella che esprime tutta l'ironia del gioco di parole. «Per essere originali ed avere successo ci vuole colore, sapore e una buona dose di coraggio. Purtroppo molti giovani tendono ad omologarsi alla massa o persino a svalutarsi. Molti non hanno abbastanza fiducia in sé stessi o hanno paura del fallimento. In verità, nel mondo c'è spazio per tutti ed ognuno di noi è unico nel suo genere», commenta, guardando non solo a lei ma al mondo che la circonda. 

"Gnockstar!" è un album che invita ad apprezzare la propria personalità, a riscoprire la propria storia, ad amare sé stessi, a seguire i propri sogni e coltivare i propri talenti.

In arrivo lo show dal vivo

Per celebrare l'uscita del nuovo album Giada Robin sta preparando uno show dal vivo tra musica, scenografie, balli sexy e travestimenti.  Il primo appuntamento sabato 10 febbraio vedrà l’artista livornese protagonista sul palco dello Swamp Club di Carrara.  In attesa delle date è possibile ascoltare "Gnockstar!" di Giada Robin su Spotify e su tutte le piattaforme digitali. 

Primo piano
La ricostruzione

Femminicidio a Barga, uccisa all'ultimo appuntamento: il coltello di Rambo, la separazione e quella volta che la casa bruciò

di Luca Tronchetti
Le nostre iniziative