Il Tirreno

Grosseto

Il giallo sull’Amiata

Corriere sparito, trovati gli scatoloni delle borse: le ultime telefonate e il punto sulle ricerche

di Ivana Agostini
Corriere sparito, trovati gli scatoloni delle borse: le ultime telefonate e il punto sulle ricerche

Amici e parenti si sono uniti ai carabinieri nelle ricerche di Nicolas Matias del Rio. I volontari trovano cartoni vuoti

27 maggio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





GROSSETO. Nicolas Matias del Rio non si trova. Del corriere scomparso nel nulla dopo aver prelevato un carico di borse dal valore di circa 500mila euro non c’è più traccia dalle 17,15 di mercoledì, quando si trovava a Castel del Piano. Il furgone della ditta per cui lavora dato alle fiamme e ritrovato nella zona di Poggi la Bella a Roccalbegna: la merce sparita.

Le ricerche procedono incessanti e, oltre ai carabinieri che lo cercano con le unità cinofile, si sono mobilitati amici e familiari. I volontari hanno ripreso le ricerche ieri mattina alle 9, divisi in due squadre. «Un gruppo è partito dall’area del ritrovamento del furgone – spiega una volontaria – e uno dalla fabbrica dov’è stato visto Nicolas l’ultima volta. Abbiamo battuto tutta l’area possibile a monte e a valle della strada. Nulla».

Proprio ai volontari si deve il ritrovamento di alcune scatole, vuote, che molto probabilmente contenevano le borse che il corriere aveva caricato sul suo furgone prima che il suo telefono diventasse irraggiungibile. Gli scatoloni sono stati trovati a circa due chilometri dalla zona dov’è andato a fuoco il furgone: una parte accatastate nella radura e altre dentro un casottino abbandonato. Del ritrovamento sono stati avvisati immediatamente i carabinieri.

I volontari si sono messi alla ricerca del corriere su input della famiglia di del Rio, che sta partecipando alle ricerche. «A quattro giorni dalla sua scomparsa – spiegano i volontari – senza avere alcuna notizia se non quella del ritrovamento del furgone dove viaggiava, trovato bruciato, venerdì la famiglia ha dato l’input per poter avere la collaborazione di volontari per battere una zona così ampia che va da Castel del Piano fino al punto del ritrovamento del mezzo. Divisi in gruppi abbiamo iniziato a perlustrare la zona. Di Nicolas nessuna traccia. L’appello della famiglia è rivolto a chiunque possa aver notato o sentito qualcosa che alla luce dei fatti può sembrare sospetta. La strada percorsa con il furgone è quella che da Castel del Piano va verso il Parco Faunistico del Monte Labbro».

Del Rio ha 40 anni, una compagna e un figlio di 8 anni. Prima dell’ultima telefonata fatta al datore di lavoro, durante la quale gli aveva passato un misterioso sconosciuto che gli aveva chiesto di servirsi di Nicolas per fare un ritiro che in realtà era falso, aveva telefonato proprio ai familiari per avvisarli che di lì a poco avrebbe finito il turno. Lo scomparso, di origine argentina, è arrivato ad Abbadia San Salvatore in quanto il padre è solito trascorrere le vacanze nella zona.

Del Rio aveva scelto di rimanere nel paese per la qualità della vita e la tranquillità offerta dal borgo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Belluno

Travolge tre ciclisti alla Dolomiti Race: uno è il lucchese Stefano Cecchini. L’automobilista: “Ero in ritardo per la messa”