Il Tirreno

Empoli

Certaldo, via alla pedonalizzazione: addio parcheggi in piazza Boccaccio

di Giacomo Bertelli
Certaldo, via alla pedonalizzazione: addio parcheggi in piazza Boccaccio

Dopo l’Epifania partono i lavori per la riqualificazione attesi da oltre 20 anni

23 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





CERTALDO. Riqualificazione del centro urbano di Certaldo: dopo l’Epifania partiranno i lavori per la pedonalizzazione di piazza Boccaccio. Con i posti auto che verranno gradualmente a mancare, sarà avviato quasi in concomitanza il cantiere dietro l’ex area Antonelli per fornire i necessari posteggi al centro. L’obiettivo è quello di ridurre al minimo i disagi con l’avvio della stessa pedonalizzazione e garantire aree di sosta nel breve periodo, mentre nel lungo consegnare un centro urbano riqualificato e funzionale. In supporto al centro urbano sarà reso disponibile e fruibile il parcheggio di via Leopardi, a ridosso della zona scolastica. Sperando ovviamente che tali cantieri possano concludersi entro giugno, a ridosso delle prossime elezioni comunali. È questo l’annuncio dell’amministrazione comunale che vedrà il sindaco, Giacomo Cucini, realizzare questo atteso (e tanto discusso) intervento del quale si parla da oltre 20 anni e che ha visto nel suo mandato, oltre che programma elettorale, dar vita a numerosi incontri e dibattiti. L’investimento attorno alla riqualificazione del centro urbano, coperto dal Pnrr, si avvicina ai due milioni di euro e riguarda via 2 Giugno, piazza Boccaccio, borgo Garibaldi e via Roma. Il Comune punta con via 2 Giugno e piazza Boccaccio ad avere un avanzamento di cantiere che possa superare il 30% e quindi permettere il rilascio di tutte le risorse necessarie, finanziate dal Pnrr.

I movimenti popolari, come il comitato “Salviamo piazza Boccaccio”, con questa sterzata, vedono complicarsi non poco il loro percorso di battaglia. «Abbiamo deciso di cambiare i nostri piani per accelerare il cantiere della riqualificazione del centro urbano. Prenderemo i sanpietrini di piazza Boccaccio che saranno utilizzati per realizzare una decorazione con una striscia centrale assieme al travertino in via 2 Giugno. Quello che si vede adesso non è l’aspetto definitivo di via 2 Giugno», spiega il primo cittadino. Via 2 Giugno sarà arricchita da fioriere e vari arredi che saranno posizionati anche su piazza Boccaccio. Pollice verde che resta su piazza Boccaccio: saranno abbattuti solo due lecci perché malati. Dopo l’Epifania, si comincerà sul lato degli edifici, come municipio e chiesa, a lavorare sulla pedonalizzazione di piazza Boccaccio. Per quanto riguarda i sottoservizi in piazza Boccaccio, come le tubazioni di Acque da sostituire, interessano solo il lato che transita davanti alla funicolare e questo dovrebbe permettere di dare maggiore fluidità ai lavori. «Cercheremo di mantenere il più possibile, in termini di tempo e numeri, i posteggi, almeno fino al periodo dei saldi», prosegue il primo cittadino. Il rischio infatti è quello di veder ridurre sensibilmente i parcheggi in centro e questo è da sempre un tema molto discusso nella comunità locale. L'area di via Leopardi, dotata di 52 posti, sarà un’alternativa che il Comune ha già predisposto per cercare di dare una risposta immediata ai disagi che ci saranno. Con la speranza di completare celermente l’investimento sull’ex Antonelli. Comunicazioni arrivate ai commercianti nei giorni scorsi. Ovviamente l’apertura del cantiere di piazza Boccaccio permetterà poi di completare anche la seconda parte di via 2 Giugno che ancora non è stata toccata dalla colata di asfalto che animerà il nuovo volto dello shopping certaldese. Il problema dei parcheggi, nel breve periodo, resta una delle maggiori preoccupazioni, soprattutto per il tessuto economico. I lavori da circa 250mila euro nell’area dell’ex Antonelli saranno vitali per dotare il centro di un parcheggio alternativo che non avrà però gli stessi stalli di sosta di piazza Boccaccio. Si arriverà a un numero massimo di 40 posti rispetto agli attuali 60 di piazza Boccaccio. Con la pedonalizzazione della piazza va ricordato infatti che gli stalli di sosta a disposizione spariranno completamente e saranno solo sul lato di via XX Settembre. Saranno realizzati 8 stalli, di cui uno per disabili e tre per ciclomotori. Sui rendering in rete: «Non sono quelli definitivi – sottolinea Cucini – ci sono stati fraintendimenti, presto li presenteremo».


 

Primo piano
La tragedia

Livorno, morto nel palazzo divorato dalle fiamme: cosa ha scatenato l’incendio

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative