Il Tirreno

Empoli

Suolo pubblico gratis per bar, ristoranti, pizzerie e gelaterie

Suolo pubblico gratis a Empoli per bar, ristoranti, pizzerie e gelaterie (foto Sestini)
Suolo pubblico gratis a Empoli per bar, ristoranti, pizzerie e gelaterie (foto Sestini)

Empoli, l’assessore alle attività produttive Antonio Ponzo Pellegrini: "Per venire incontro all'esigenza di far ripartire e in sicurezza la vita della nostra città. Un segnale forte per tutti i commercianti che hanno subito un grave danno economico a causa di questa emergenza"

28 aprile 2021
4 MINUTI DI LETTURA





EMPOLI. L’amministrazione comunale di Empoli, con l’obiettivo di compensare la ridotta capacità ricettiva di esercizi pubblici e locali, causata dal rispetto delle misure di “distanziamento sociale” imposte per arginare il rischio da contagio da Covid-19, torna a proporre una misura di valenza eccezionale e temporale che riguarda l’occupazione di suolo pubblico. A distanza di un anno, esattamente 11 mesi fa (28 maggio 2020) la giunta della sindaca Brenda Barnini dà il via a un provvedimento simile.

«Torniamo a dare la possibilità, attraverso alcune deroghe al disciplinare, agli esercizi pubblici come bar e ristoranti, ma anche alle altre attività commerciali artigianali, come pizzerie a taglio e gelaterie, di richiedere velocemente e gratuitamente l'utilizzo del suolo pubblico per installare tavolini, ombrelloni e dehors. Dopo l’uscita del nuovo decreto governativo abbiamo cercato di fare il più velocemente possibile – spiega l’assessore alle attività produttive Antonio Ponzo Pellegrini – per venire incontro all'esigenza di far ripartire e in sicurezza la vita della nostra città. Un segnale forte per tutti i commercianti che hanno subito un grave danno economico a causa di questa emergenza – prosegue –Sappiamo che per i commercianti la gestione interna dei locali è complicata, più facile invece negli spazi all’aperto: abbiamo pensato a una procedura semplice e concreta per dare al commercio la possibilità di lavorare e alle persone di stare insieme in sicurezza. Ieri sera abbiamo incontrato le associazioni di categoria per condividere il provvedimento, migliorare e rendere più snello il modulo della domanda. Saranno le stesse associazioni a parlare con gli imprenditori per spiegare come funziona. Per coloro che hanno già richiesto lo scorso anno la concessione e ripresentano quest’anno lo stesso tipo di domanda sarà tutto molto semplice. Non ci dimentichiamo di coloro che hanno poco o non hanno per nulla spazio esterno. Per loro stiamo pensando a autorizzazioni per occupare spazi vicini o in aree limitrofe ai loro locali. Come lo scorso anno saranno valutate dagli uffici competenti le richieste per autorizzare temporaneamente modifiche alla viabilità come la chiusura di strade».


Sarà possibile richiedere fino al doppio dello spazio del fronte del proprio esercizio; la possibilità di chiedere da parte degli esercizi di Piazza Farinata degli Uberti anche l'area sottostante i portici e il suolo pubblico sulla piazza per una larghezza pari al proprio fronte ed una profondità (verso il centro della piazza) al massimo pari alla profondità dei portici; saranno accettate anche richieste effettuate collettivamente di suolo pubblico. La giunta col supporto degli uffici, potrà valutare positivamente anche domande prive del consenso del confinante/dirimpettaio.

Queste autorizzazioni di occupazione del suolo pubblico ‘semplificate’ riguardano il periodo fino al 31 dicembre 2021 e si rivolgono a pubblici esercizi (bar e ristoranti), artigiani alimentari (pizzerie al taglio, gelaterie, ecc) ma anche ad altre tipologie commerciali alimentari.  L'occupazione prevede varie tipologie di arredi come specificato nel modulo della domanda, per esempio tavolini, ombrelloni e altro.  

Nel modello aggiornato della domanda è stata inserita una terza opzione che riguarda la concessione di suolo pubblico già autorizzata per l'anno 2020 con la stessa modalità semplificata, ove non siano apportate modifiche alla viabilità, agli arredi e non si trovi di fronte o confinante ad altra attività alimentare anche essa interessata.


Per queste richieste viene rilasciato l'atto unico senza il parere della polizia municipale.


La domanda in carta libera (esenzione da bollo e esente da diritti SUAP), il cui modulo è pubblicato sul sito istituzionale del Comune, deve essere inviata dalla PEC della ditta ai seguenti indirizzi:

comune.empoli@postacert.toscana.it (e in presa visione agli indirizzi di posta non certificata: suap@comune.empoli.fi.it e prot.pmempoli@empolese-valdelsa.it) allegando in formato pdf l'istanza firmata in maniera autografa, la planimetria e copia del documento di identità del firmatario senza ulteriori formalità e allegato 1 (solo nel caso di richiesta di spazio posizionato davanti ad altro esercizio che potrebbe avere diritto a presentare la stessa richiesta, anche sul lato opposto della strada); le istanze possono essere presentate in forma collettiva da un soggetto tramite una specifica nota che accompagni le singole istanze.

Per informazioni rivolgersi al SUAP, i numeri telefonici sono disponibili a questo link https://www.empoli.gov.it/uffici_e_servizi/settore-II/suap_attivita_economiche_sicurezza .

Il modulo per la presentazione della domanda è pubblicato allegato a questo comunicato stampa sul sito del Comune insieme al disciplinare tecnico per le occupazioni di suolo pubblico per la somministrazione di alimenti e bevande e alle delibera della giunta comunale.

 


 

Primo piano
La tragedia

Con il gommone contro gli scogli: muore un giovane ufficiale toscano della Marina