Il Tirreno

Swag. Trionfo in terra Etrusca


	Pistolesi, giocatore fondamentale per coach Da Prato
Pistolesi, giocatore fondamentale per coach Da Prato

Il Cecina va sotto contro i rivali storici del San Miniato, ma Turini guida la rimonta. Rossoblù trasformati dopo l’intervallo: conquistati due punti e il 2° posto in classifica

12 febbraio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





SAN MINIATO. Il match clou della decima di ritorno del girone B di Serie B interregionale di basket va allo Swag Cecina, che dopo un inizio di partita sottotono, rialza prepotentemente la testa nella seconda parte della partita e con un terzo quarto da incorniciare riesce a capovolgere l’inerzia del match.
Il +9 finale, arrivato con una grandissima reazione d’orgoglio permette allo Swag di sfatare il tabù San Miniato e – vista la concomitante sconfitta di Empoli ad Arezzo – di issarsi da solo al secondo posto in classifica. Dall’altra parte, San Miniato ha sfoderato una buonissima prestazione, non suffragata però da un’adeguata tenuta fisica e mentale quando Cecina ha alzato i ritmi e i giri del motore alla ricerca di una vittoria fondamentale. Nel primo quarto San Miniato inizia bene e mantiene uno standard di gara alto per tutti i 10’, anche se nei primissimi minuti di gara Swag, recupera diverse palle interessanti ed è precisa in attacco. Il +4 degli ospiti viene però ben presto annullato. Con Lovato che sale in cattedra e con 8 punti e 3 rimbalzi risulterà essere decisivo. A meno di un minuto dalla fine del primo quarto, San Miniato va addirittura sul 19-9, chiudendo praticamente a tenuta stagna le fonti di gioco di Cecina, che rialza la testa solo nel finale della prima frazione riportandosi sul -9. La squadra di Da Prato ha pagato la scarsa vena in fase realizzativa con percentuali basse sia nei tiri liberi che nel tiro da tre punti con il solo Lovato si mantiene sui livelli accettabili. Anche il secondo tempino si apre con San Miniato che prende il comando e allunga con Menconi particolarmente ispirato e Cravero efficace non solo in fase di copertura. Il 29-14 dopo poco più di 2’ sarà il massimo vantaggio di San Miniato, che manterrà il +13 fino a metà della gara. Tuttavia, i padroni di casa sbagliano molto sui tiri da 3 andando a segno solo 7 volte su 31 tentativi complessivi. Cecina invece è decisamente più precisa nei tiri liberi e con un Turini che cambia marcia nel finale di una frazione che lo vedrà protagonista con 11 punti segnati. Si va comunque al riposo con San Miniato avanti 51-38. La svolta alla gara arriva al rientro in campo dagli spogliatoi dopo la pausa lunga. Milojevic recupera due ottimi rimbalzi e Bruni è finalmente efficace dalla lunetta. Cecina con pazienza e determinazione riesce a ricucire lo strappo e a 5’ dal termine della terza frazione si riporta sul -4. Nella seconda parte del terzo tempino sale in cattedra Pistolesi e il distacco si riduce ulteriormente. Coach Da Prato a 43” dal termine con Cecina sotto di 2. Il quarto si chiude con Turini che recupera un bel rimbalzo difensivo e realizza sotto canestro permettendo allo Swag di agguantare la parità. L’ultima frazione è un dominio dei rossoblù ospiti. Cecina ritrova la difesa e nel giro di pochissimo non solo riesce a passare in vantaggio, ma allunga, prima fino al +10. Il primo canestro di San Miniato arriva dopo oltre 7’ ma ornai la partita ha preso una piega precisa. È Pedroni il miglior marcatore di Cecina e il +9 finale la dice lunga sulla prestazione dei rossoblù, usciti fuori alla grande nel momento cruciale della gara. E domenica scontro fra titani: domenica al Poggetti arriva la capolista Virtus Siena. 

Primo piano
Sull’asfalto

Tragedia al centro Porsche, chi era Mattia Ottaviano, il collaudatore morto: il ricordo dell’amico e quel post sui social

di Tommaso Silvi
Le nostre iniziative