Il Tirreno

Momento da incorniciare per il Palazzi Calcio Circa 200 i tesserati, 50 in più dell’anno scorso

Momento da incorniciare per il Palazzi Calcio Circa 200 i tesserati, 50 in più dell’anno scorso

La squadra di Terza Categoria sogna in grande e punta alla promozione nella fascia superiore

09 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





CECINA. Per il Palazzi calcio il momento è buono. Dal vertice agli Amatori, i tesserati della stagione 2023-24 sono circa 200. Almeno 50 in più dell’anno scorso. Il presidente Stefano Martellini è soddisfatto e il vice, Stefano Bucalossi, conferma che l’obiettivo è crescere e, con la prima squadra iscritta in Terza Categoria, tentare di nuovo la promozione in Seconda.

Chi a maggio si piazzerà primo alla fine del girone unico livornese passa subito e poi sarà raggiunto dalla formazione vincente i playoff. I gialloverdi bazzicano i quartieri alti della classifica e il direttore sportivo Simone Caroti sottolinea che gli ultimi acquisti – Simone Ferrari, Fabrizio Micheletti e Paolo Sandri – hanno rafforzato la rosa. Il gruppo svolge tutta la propria attività nell’impianto di via Nino Bixio dedicato ad Athos Martellacci, dove si trovano il campo principale, il calcetto e l’ampio spazio davanti agli spogliatoi per allenamenti e partitelle. Il consiglio è formato, oltre che da Martellini e Bucalossi, da Renato Pacchini (responsabile settore giovanile), Roberto Como (segretario) e Serena Colella (segretaria). Oltre alla prima squadra, allenata dall’ex giocatore Lorenzo Biasci dal 2022-2023, ci sono gli Juniores provinciali, i Giovanissimi B (classe 2010), gli Esordienti 2° anno (2011) e 1° anno (2012), i Pulcini 2° anno (2013) e 1° anno (2014), i Primi calci (2015-2016) e i Piccoli Amici (2017 e 2018). Non mancano le bambine, quattro in tutto.

Se la formazione maggiore aspira al salto in Seconda categoria, gli Amatori – campioni in carica nella sezione Uisp Terre Etrusco Labroniche e attualmente ancora in testa al loro campionato – proveranno a proseguire il percorso in caso di successo. La soddisfazione è però complessiva, perché in appena un anno agonistico il direttivo ha visto salire le iscrizioni e rafforzare la base. Nel tempo, la società punta a garantirsi ricambi al vertice a costo e chilometri zero, affinché i calciatori si identifichino con la maglia. Per quanto riguarda le formazioni dei più piccoli, regna il divertimento, com’è giusto che sia per chi pratica sport e stringe nuove amicizie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La tragedia

Il piccolo Andrea non ce l’ha fatta: è il figlio dell’infermiera morta a Pistoia

Le nostre iniziative