Il Tirreno

La MasterLab vince in vasca. Un avvio di stagione da urlo

La MasterLab vince in vasca. Un avvio di stagione da urlo

Sedici medaglie conquistate alla prima gara interregionale

21 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





ROSIGNANO. Per la società di nuoto MasterLab di Rosignano la stagione agonistica è iniziata nel migliore dei modi. Nella prima gara del campionato interregionale Csi (Centro sportivo italiano) che si è svolta a Pescia i ragazzi guidati da Maurizio Poggetti e Matteo Salvetti hanno centrato risultati prestigiosi, portando a casa un medagliare composto da sette ori, cinque argenti e quattro bronzi a conferma dell’ottimo lavoro svolto in vasca.

La squadra – composta dai veterani Gloria Pallini, Benedetta Righi, Alessandro Sprugnoli, Luuly Guidi, Viola Falagiani e rinforzata dai nuovi arrivi Christian Sardi, Mattia Ceccanti, Sofia Sicuro e Marina Ascione – ha inoltre alzato il trofeo del primo posto nella classifica delle società partecipanti. Un colpo non da tutti, che prova come il sodalizio abbia investito bene risorse per programmare il futuro.

Festeggiata la vittoria, gli atleti hanno continuato ad allenarsi con passione e determinazione, nell’attesa della seconda tappa del campionato che si terrà il 26 febbraio nella piscina Neri di Livorno. Ma l’Asd MasterLab non si ferma qui: da giovedì 16 febbraio è partito infatti un percorso intitolato “Non solo scacchi” alle scuole “Europa” di Rosignano Solvay, offerto all’istituto a titolo gratuito e sponsorizzato dalla collaborazione nello staff tecnico di un istruttore di scacchi della Federazione. Lo stesso progetto è tenuto anche nella ludoteca “Fantasia” di Cecina, con lo scopo di coinvolgere i bambini in un gioco di strategie e colpi di scena.

Tra la parte sportiva e il gioco di strategia, il prossimo passo di MasterLab è il ritorno nella piscina comunale della Mazzanta, a Vada, per proseguire al meglio un anno agonistico iniziato con il botto. l


© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Le ultime
L’indiscrezione

«Troppa frociaggine nei seminari»: la frase choc di Papa Francesco