cecina
cronaca

Muore a 49 anni nota commerciante di Cecina: lascia due figlie

Lavorava nel negozio “Giallo Cammello”: è morta in ospedale


23 giugno 2022


CECINA. L’ultimo saluto si è celebrato nella chiesa di Sant’Andrea a Marina di Cecina. Benedetta Mannari se ne è andata in punta di piedi. A 49 anni, madre di due ragazze, Alice ed Emma, è morta in seguito a una grave malattia: era un volto noto del commercio cecinese. Da molti anni lavorava nel negozio di oggettistica Giallo Cammello, sul corso Matteotti, negozio del cognato Francesco Marchetti. E dal banco in mezzo agli oggetti più disparati, curiosi o di design, aveva sempre un sorriso e una parola per i clienti, che spendessero cifre importanti o pochi euro per lo scambio di regali tra amici.

Benedetta Mannari era nata a Livorno, ma era cecinese a tutti gli effetti. Era figlia di Cinzia Bachini, livornese ma a lungo dipendente del Comune di Cecina, e di Paolo Mannari, cecinese, ex impiegato dell’Asl. Ha una sorella: Virginia, psicologa.

A Cecina Benedetta aveva compiuto gli studi superiori, ed aveva un bel gruppo di amiche. Quelle che ora la ricordano con affetto e dolore. E che pensano di fare una donazione in suo nome. Amiche del cuore, compagne di una vita, o colleghe: il ricordo di Benedetta è quello di una ragazza solare, affettuosa, ma discreta. E riservata. Amante della lettura e dei buoni libri. «Te ne sei andata in punta di piedi, come sei vissuta», scrive sulla pagina Facebook di Benedetta, Cinzia Costanza, commerciante (ha gestito fino all’anno scorso un negozio di cosmetici in centro) .

«... i concerti, gli amori, le paturnie, le risate, la vita, tanta tanta vita insieme... ci siamo trovate, scelte e mai più lasciate, sempre presenti l’una per l’altra. Ogni giorno di più. Non lo so come farò senza di te, Bene mia. Ma so che te mi aiuterai. Come sempre. Ti amo», scrive l’amica Rita Tonini.

E Anna Tamagni: «La mia amica Bene se ne va via oggi che è il primo giorno d’estate e che i Rolling Stones suonano a San Siro. Almeno un po’di accompagnamento all’altezza. Mi piaceva trovarti e parlare con te».

Benedetta Mannari si era trasferita da Cecina a Riparbella nel 2001, aveva due figlie. Ma la sua vita era a Cecina: il lavoro in negozio, le amiche, il mare...

Qualche anno fa la scoperta della malattia, che non le ha impedito di continuare la sua vita e il lavoro senza far pesare niente agli altri. Com’era nel suo carattere, sempre attenta ed empatica verso gli amici. Purtroppo, nonostante le cure, la situazione negli ultimi tempi si è aggravata.

È morta all’ospedale di Cecina, dove era ricoverata, il 21 giugno. Aveva compiuto 49 anni a gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.