cecina
cronaca

Rosignano, fanno rumore sotto le finestre: lui li minaccia con la roncola

52enne nei guai, erano giorni che alcuni giovani lo offendevano. Alla fine ha pensato di farsi “giustizia”, li ha inseguiti per farli stare zitti


21 giugno 2022 Sabrina Chiellini


ROSIGNANO MARITTIMO. Il borgo è piccolo e le voci, specialmente nel silenzio della notte, rimbombano tra le pareti delle case, nel centro storico, sotto al castello. Da un po’di tempo un gruppo di ragazzi del paese aveva preso l’abitudine di fermarsi a parlare sotto le finestre di casa del 52enne. I classici schiamazzi notturni, le voci, la musica, le risate che si mescolano al suono delle marmitte dei motorini. Abitudini che possono contrastare con il desiderio di dormire in tranquillità che possono avere i residenti. Tra loro, appunto, il 52enne che, stanco dei comportamenti molesti, si è rivolto ai carabinieri di Rosignano per raccontare il suo disappunto. D’estate non riesce a stare con le finestre aperte, c’è sempre qualcuno che gli urla dietro, stando ai suoi racconti. «Lo fanno apposta, mi insultano».

Uno degli sfoghi del disoccupato che con il passare dei giorni e delle notti deve essersi convinto a farsi “giustizia” da sè. Se non se andranno con le buone, lo faranno con le cattive maniere, deve avere pensato dopo avere chiesto l’intervento dei carabinieri in più occasioni. I militari, senza informare il cittadino, hanno organizzato alcuni controlli nel centro storico anche per valutare la situazione e rendersi conto di quello che effettivamente stava succedendo. Durante uno di questi servizi è accaduto l’impensabile. Diciamo che il 52enne dalla ragione è passato al torto. Nella notte tra il 16 e il 17, stando a quanto è stato spiegato, lo stesso gruppetto è tornato a darsi appuntamento sotto casa del disoccupato innescando reazione scomposta dell’uomo. Lui infatti ha afferrato una roncola di circa 46 centimetri che aveva in casa e l’ha utilizzata per spaventare quei giovani vocianti. Si è fatto coraggio, è uscito di casa e li ha minacciati con il pesante attrezzo da lavoro. «Andate via, ora basta».

Le minacce dovevano servire a farli stare zitti. Ma poi quando i ragazzi sono scappati spaventati lui ha cominciato a inseguirli per le vie del paese. Fino a quando l’insolita scena è stata notata e sentita da alcuni cittadini che, spaventati, hanno chiesto l’intervento dei carabinieri. L’inseguimento è finito subito dopo ma per l’uomo ora sono guai. I carabinieri lo hanno denunciato per minacce aggravate.

La roncola con un manico di 46 centimetri è stata sequestrata.

La speranza è che l’episodio metta fine a schiamazzi e rumori molesti durante la notte perché tutti ovviamente hanno diritto al rispetto della quiete pubblica.

Anche nei mesi estivi, quando è più facile fare tardi in giro con gli amici a bere una birretta o a raccontarsi fino a tarda notte.


 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.