Il Tirreno

Aziende informano

“IGP, opportunità da non perdere. Lavoro di squadra per ottenere il risultato”

“IGP, opportunità da non perdere. Lavoro di squadra per ottenere il risultato”

Moreno Vignolini, presidente nazionale di Confartigianato moda

28 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





“Una grande occasione da non perdere per il nostro territorio”. Così Moreno Vignolini, presidente nazionale di Confartigianato Moda e vicepresidente di Confartigianato Imprese Prato, commenta la possibilità, resa concreta dal Regolamento europeo varato nel novembre scorso, che estende le assegnazioni delle indicazioni geografiche protette (IGP) ai prodotti artigianali e industriali. Un passo avanti significativo nella protezione della proprietà intellettuale, ma anche nella creazione di nuove opportunità per valorizzare e tutelare in Europa l’eccellenza e l’unicità del patrimonio produttivo del distretto. Le domande per ottenere il riconoscimento si potranno presentare a partire dal 1° dicembre 2025. “Un’opportunità – spiega Vignolini – sulla quale occorre tornare a fare squadra con quell’unità di intenti che ci ha permesso di ottenere i 10 milioni a favore del distretto, un risultato per il quale il ruolo dei corpi intermedi è stato fondamentale. Come allora siamo stati in grado di lavorare insieme su un progetto condiviso, lo stesso possiamo fare adesso per un percorso virtuoso verso questo obiettivo. Un’occasione resa ancora più importante dalla situazione normativa, come ad esempio l’EPR e l’End of Waste, dove si tende a mettere in secondo piano le lavorazioni a monte della filiera escludendoci così da un percorso verso traguardi importanti per il settore tessile. Quella di ottenere l’IGP rappresenta quindi una formidabile occasione per valorizzare l’identità del territorio ma anche la sua capacità e competenza produttiva e di attenzione verso l’ambiente”. 

Ma cosa occorre per raggiungere questo traguardo? “Ben vengano iniziative specifiche che esaltano nostri prodotti particolari, ma per centrare l’obiettivo occorre alzare il livello delle nostre strategie puntando a un’identità di prodotto tipico pratese di cui il cardato riciclato ne rappresenta un’eccellenza. L’appello e l’invito è quindi rivolto a tutte le categorie economiche della città e alle altre realtà appena nate per condividere insieme questo percorso virtuoso verso questo obiettivo. 

Sottolineo che non si tratta di mettere la propria bandierina per primi su una questione, ma di portare insieme la bandiera di tutto il distretto sul traguardo del progetto”. L’opportunità rappresentata dall’IGP si sposa poi con quella rappresentata dalla legge sul Made In Italy, sulla quale Confartigianato ha avuto un ruolo fondamentale. “L’abbiamo voluta fortemente offrendo un nostro decisivo contributo – dice Vignolini - Una legge che porta un’attenzione naturale verso tipi di produzione come quello pratese. Insieme all’ottenimento dell’IGP rappresenta quindi un ulteriore passo avanti per il settore. Sta a noi renderlo concreto per il nostro territorio”.  

Primo piano
La tragedia

Pisa, muore pallavolista di 32 anni a tre giorni dal malore in campo durante un torneo

di Andreas Quirici