Il Tirreno

Versilia

Pallavolo serie B

Vp Volley, primo stop dopo 5 mesi. L’Upc rimonta ma deve arrendersi

di Nicoletta Dati
Il Vp Volley in fase difensiva (foto Roberto Paglianti)
Il Vp Volley in fase difensiva (foto Roberto Paglianti)

Le versiliesi non riescono a chiudere la fase regolare con un successo

13 maggio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





VIAREGGIO. Non va come da aspettative l’ultimo turno dei campionati nazionali di pallavolo di Serie B. Upc Sdh Volley e Vp Volley non riescono a chiudere con un successo ed escono entrambe sconfitte dall’ultima trasferta della fase regolare. L’Upc Sdh cade al tie-break sul campo di Anguillara e il Vp Volley è battuto in quattro set a Prato.

Serie B maschile

Il cammino dell’Upc si chiude al quinto posto con sedici vittorie e dieci sconfitte. Ad Anguillara l’Upc Sdh si arrende al tie-break (3-2: 25-20, 25-22, 23-25, 25-27-15-13) sprecando l’occasione di portare a casa il match dopo avere recuperato lo svantaggio di due set a zero e trovandosi avanti 10-5 nel quinto set, ma il mister Sansonetti è contento di quello che ha visto.

In campo dal primo minuto Giovannetti, Paoletti, Marini, Macrì, Salvadori, Caproni, Baldaccini libero. Poi spazio a Nannini, De Muro, Daddio, Pauli, Dal Pino.

«La prova di oggi nonostante la sconfitta è la nostra ciliegina sulla torta e non perché abbiamo il quinto posto ma per la prestazione che è stata messa in campo. Sotto due a zero, in trasferta e lontano da casa potevamo mollare e invece abbiamo tirato fuori la nostra anima – racconta Dario Sansonetti – recuperato lo svantaggio sfruttando situazione che nei primi due set invece abbiamo lasciato andare. Certo c’è il rammarico per il quinto set avanti 10-5 e non chiuso ma è di più la contentezza di essere riusciti a dimostrare qualcosa, la gioia di vedere un gruppo che per l’ennesima volta ha remato dalla stessa parte e la contentezza dei nostri giovani che anche stavolta ci hanno dato un contributo importante».

Classifica finale: Tuscania 66, Arno 63, Grosseto 56, Ecosantaga 51, Upc 47, MaxitaliaJumboffice e Lupi Santa Croce 43, Pontedera e Anguillara 40, Italchimici 37, Prato 30, Livorno 23, New Volley Sansepolcro 7 e Volley Club Orte 0.

Serie B2 femminile

Si infrange a Prato il sogno di chiudere imbattuti il girone di ritorno e festeggiare anche in esterna il primato del girone G. La scia positiva del Vp Volley si ferma quindi a quota quindici.

Nel match tra le prime due della classifica, un vero e proprio test-match in vista dei playoff del prossimo week end per la promozione in serie B1, sono state le pratesi padrone di casa ad avere la meglio con il risultato finale di 3-1 (17-25, 25-23, 25-21, 25-23) ribaltando il 3-2 subito in casa del Vp Volley, un match epico con il tie-break chiuso dalle versiliesi solo sul 22-20. Il Vp Volley non perdeva dal 9 dicembre quando si era arreso ai vantaggi del tie-break a Calenzano. La fase regolare della matricola Vp Volley si chiude con ben ventuno successi d appena cinque sconfitte.

A Prato il coach tiene Gorgoglione a riposo e schiera Rolla, Lamperi, Orlandini, Da Prato, Nicolini, Mutti, Maggiani e Rustighi come liberi. «Abbiamo giocato in un ambiente infuocato, la palestra di Prato ci ha accolto con un tifo avversario molto caldo, seppur e la partita non valesse nulla, Prato ha messo in campo una prestazione molto combattiva attaccandoci su tutti i palloni fino a farci innervosire – ammette il coach Enrico Stefanini – siamo cascati nella trappola innervosendoci, abbiamo commesso troppi errori e disattenzioni facendo confusione nelle azioni lunghe. Peccato perché la gara era un allenamento importante per preparare al meglio la trasferta playoff a Terracina».

Classifica finale: Vp Volley Canniccia Motor Club 60, Prato 59, Rinascita 53, Arezzo 50, Fos Wimore 48, Us Arbor Iterclays, Omac Active e San Feliciano 42, Trestina 31, Samer Marsciano 29, Volleyfenice 27, Calenzano e Pallavoloscandicci 23, Fossato Volley 17.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Politica e soldi

Le elezioni europee sono un grande affare: ogni eletto intasca 1,2 milioni

di Mario Neri
Ciao Franchino