Il Tirreno

Versilia

La storia

Gatta sale sul treno in Versilia e arriva fino a La Spezia

di Luca Basile
Gatta sale sul treno in Versilia e arriva fino a La Spezia

Si è seduta su uno dei sedili. Trovata dalla capotreno che poi ha allertato la Polfer: riportata a Pisa. Nel caso non venga rintracciato il legittimo proprietario o proprietaria sarà data in adozione

27 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PIETRASANTA. Quel breve viaggio in treno, fino a La Spezia, se lo è goduto beatamente e comodamente sdraiata su uno dei sedili della carrozza passeggeri. Sbirciando, di tanto in tanto incuriosita, dal finestrino.

A chi ci stiamo riferendo? Alla bella e piccola gatta trovata, nella mattina di lunedì 27, da una capotreno mentre, a fine servizio, stava controllando i vari vagoni. Da dove sia scappata e in quale stazione sia salita, non è però dato sapere: forse a Pietrasanta, forse a Forte dei Marmi, forse ancora lungo una delle diverse fermate – Pisa San Rossore, Viareggio, Camaiore, Massa, Carrara, Sarzana, Vezzano, La Spezia Migliarina – del tragitto di percorrenza.

Sta di fatto che il treno in questione, partito da Pisa alle ore 11,06 e arrivato a La Spezia alle ore 12,20 di lunedì, ha accolto la gatta di colore nero, che dopo avere probabilmente girovagato per i vagoni, ha deciso di riposarsi su uno dei sedili.

Per poi farsi avvicinare, accarezzare e prendere in braccio dalla capotreno che, ha poi allertato gli agenti della Polfer che, a loro volta, hanno chiamato in causa il Nucleo Soccorso Salvamento Animali. «La capotreno – si legge in una nota – ha deciso di riportare la gatta da la Spezia a Pisa: ad accoglierle due agenti della Polfer e il dirigente di Nucleo che ha provveduto a prelevare la gatta che la capotreno aveva custodito nel proprio scompartimento di servizio. La scelta della capotreno di riportarla a Pisa, è data dal fatto che la stessa possa essere salita da una delle stazioni menzionate, oltre che ad affidarla a persone competenti».

La gatta dopo il recupero all'interno del treno, è stata infatti trasportata e consegnata ai volontari del gattile A.G.A.P. di Marina di Pisa. «L’animale gode di ottima salute ed è stata controllata dal veterinario di fiducia del gattile».

Per qualsiasi informazione contattare lo 347.7687762 (Nogra) e il 320.0568557 (Gattile Agap), precisa ancora la nota.

La gatta “che viaggia” è priva di microchip. Nel caso non venga rintracciato il legittimo proprietario o proprietaria, sarà data in adozione.

Primo piano
Aiuti

Assegno per il nucleo familiare, scatta la rivalutazione: ecco a chi spetta e gli importi

di Leonardo Monselesan