versilia
cronaca

Forte dei Marmi, Murzi chiude il cerchio: ecco i nuovi assessori

Il sindaco si prende ancora tre giorni ma i giochi sembrano fatti: con Mazzoni vicesindaco, dentro Galleni, Seveso e Lucchesi


23 giugno 2022 Angelo Petri


FORTE DEI MARMI. Il comignolo di piazza Dante continua a emettere virtualmente solo fumate nere, anche se all’orizzonte si intravede qualche schiarita, dal momento che lo stesso sindaco ha confermato che sabato svelerà il nuovo esecutivo. Murzi assieme ai suoi più stretti collaboratori ha incontrato tutti i chiamati in causa, cercando la classica quadratura del cerchio: «Sono quasi arrivato alla conclusione – spiega – e ciò che dovevamo valutare l’abbiamo valutato, perciò sabato mattina ufficializzeremo la nuova Giunta. In questi casi, ci sono aspettative di molti, ma i posti sono quelli che sono. L’importante è che tra tutti si riesca a fare gioco di squadra e in questo senso ognuno avrà la possibilità di collaborare all’attività dell’amministrazione comunale e dare una mano al gruppo. Stamani, infine essendo in scadenza i dieci giorni di legge convocheremo la prima seduta del nuovo consiglio comunale. Ci sono termini perentori che dobbiamo rispettare. E noi saremmo orientati per lunedì 4 o mercoledì 6 luglio».

Un lavoro non facile, dunque, quello di comporre il nuovo esecutivo, reso necessario dal fatto che tre personaggi di spicco della passata giunta Murzi, la vicesindaco Graziella Polacci, l’assessore ai lavori pubblici Enrico Ghiselli e il consigliere delegato alla pubblica istruzione e sport Alberto Mattugini, non sono riusciti a guadagnare la vetta delle preferenze. Fatto che rappresenta pur sempre un criterio importante (anche se non l’unico) per la distribuzione degli assessorati. Quattro i posti, anzi tre, poiché il riconfermatissimo sindaco del Forte aveva detto già prima della tornata elettorale che avrebbe confermato Andrea Mazzoni.

Quindi in giunta entreranno sicuramente le due candidate più votate: Elisa Galleni e Simona Seveso. In quanto alle deleghe, invece, solo ipotesi che vedrebbero Galleni all’assessorato a turismo, cultura ed eventi, e sembrerebbero parimenti confermare anche i desiderata di Seveso che aspira alla pubblica istruzione oltre che al sociale. Entrerebbe poi in giunta Massimo Lucchesi, già consigliere delegato alla polizia municipale e viabilità che trasformerebbe così in un assessorato vero e proprio, magari aggiungendoci anche la delega all’ambiente. Per Mazzoni, sicuramente saranno confermati per “manifesta competenza” sia l’assessorato a finanze e bilancio e sia quello all’urbanistica.

Sicuramente, poi, qualche delega – il personale? – potrebbe essere conservata dal sindaco, ma ci sarebbero anche i lavori pubblici in attesa di aggiudicazione. Tant’è che a Ghiselli sarebbe stato offerto, come consigliere comunale incaricato, proprio questo suo vecchio incarico, assieme all’ambiente, ma sembra proprio che lo stesso abbia opposto un netto rifiuto: o assessore o semplice consigliere comunale di maggioranza, destino che sembra aver scelto anche Alberto Mattugini. Per l’ex vicesindaco invece sembrerebbe in arrivo la presidenza della commissione urbanistica, incarico di grande prestigio e probabilmente anche la delega per il demanio, che ha seguito negli ultimi anni e che sarebbe oltremodo gradito alla categoria dei balneari, essendo la Polacci oltre che titolare di stabilimento balneare anche ex presidente della categoria.

La presidenza del consiglio comunale, magari unita a una delega alle attività giovanili, potrebbe essere appannaggio di Michele Pellegrini, anche per maturare la necessaria esperienza. Infine altro consigliere delegato potrebbe essere Duilio Maggi. Stavolta, invece, non avranno sicuramente deleghe gli ex consiglieri incaricati Sabrina Nardini e Luigi Trapasso giacché non sono entrati in consiglio comunale, come del resto il prof. Mauro Rosi. Con loro (l’ha confermato Murzi) sono in corso colloqui e chissà, potrebbero aprirsi le porte dello staff del sindaco.

E il vice sindaco? Con quasi assoluta certezza sarà Andrea Mazzoni, per evitare di alimentare polemiche post elettorali. Infine un’ultima indiscrezione: si vocifera che Mazzoni potrebbe lasciare il posto a metà mandato o giù di lì a qualcuno degli eletti (Pellegrini, Ghiselli?) dopo aver portato a conclusione l’iter del Piano operativo. Questo però è già futuro.


 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.