Il Tirreno

Ue: Faraone (Iv), 'Meloni esce a pezzi da confronto su nomine'

28 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 28 giu. (Adnkronos) - "Giorgia Meloni esce a pezzi dal confronto europeo sulle nomine. Confusa e infelice, così è apparsa". Lo scrive su X Davide Faraone, capogruppo di Italia Viva alla Camera. "E per una che ha fatto della determinazione e della spensieratezza il tratto distintivo della sua immagine, è una sonora sconfitta. Non ha saputo scegliere se rappresentare il suo gruppo in Europa, i Conservatori, o rappresentare il suo Paese, l’Italia. Ha fatto un po’ l’uno e un po’ l’altro. Non ha saputo decidere se sedersi nella stanza in cui si decideva, e provare a determinare le scelte, o stare fuori col megafono in mano a gridare 'che schifo, che vergogna l’Europa lontana da popolo'. Ha tenuto un piede dentro e uno fuori e ha preso botte da tutte le parti. Quelli che hanno deciso, il Ppe, il Pse e i Liberali, la reputano inaffidabile e quelli che sono all’opposizione, i Conservatori, la Le Pen e Orban anche di più. Ursula Von Der Lyen, portata dalla nostra Premier in processione un po’ ovunque in Italia, la sua stella polare fino al voto europeo, l’ha tradita, non è riuscita a garantirle un giro in un posto d’onore. Per non parlare della maggioranza italiana, quella omogenea e solida, che in Europa si è divisa in tre su tre partiti, un vero record: Tajani a favore dell’accordo, Salvini contro a morire e Meloni, come dicevamo, X. Ciò che dispiace è vedere il nostro Paese trascinato nell’irrilevanza, la Meloni ha perso, ma si è tirata dietro tutti noi italiani", conclude.
Primo piano
L’evento

Andrea Bocelli, Lajatico diventa mondiale: le star, il super palcoscenico e il film