Il Tirreno

Balneari: M5S, 'maggioranza pagliaccesca, 3 partiti 3 posizioni diverse'

30 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 30 mag. (Adnkronos) - “Siamo arrivati alla fantascienza: nel cortocircuito in cui è finito il governo sui balneari, siamo al punto che pare Salvini ad essere quello con più realismo. La Lega, infatti, ha fatto cadere il tabù del no alle gare pubbliche, dopo un anno e mezzo di prese in giro ridanciane nei confronti del settore messe in atto insieme a Fdi e FI. Chiaro, Salvini già immagina un sistema di gare pseudo-fasulle indirizzate verso gli attuali concessionari: probabilmente è convinto che a Bruxelles abbiano tutti due fette di prosciutto agli occhi. Sta di fatto che ad oggi, mentre il comparto è prossimo alla paralisi totale, a destra registriamo una baraonda pagliaccesca: tre partiti, tre posizioni". Così in una nota il vicepresidente del M5S Mario Turco e i parlamentari Marco Croatti e Giorgio Fede. "La Lega, come detto, apre a bandi pseudo-pilotati: una farsa, ma almeno un po’ di realismo si intravede. Forza Italia invece non vuol saperne, con Occhiuto che ha dichiarato la Calabria repubblica balneare a sé stante e con garbo ha fatto sapere proprio a Salvini che nella sua regione se ne infischiano dell’Ue e fanno come vogliono. Eppure con Draghi, sia Lega che Fi dissero sì ai bandi: siamo ai carpiati tripli. C’è poi Fdi, che nella sua opera certosina di sventramento della Costituzione, con Foti – nel frattempo trasferitosi su Marte, evidentemente – ha chiesto il conflitto di attribuzione contro le pronunce del Consiglio di Stato. I balneari sono la quintessenza dell’inadeguatezza di questo governo nell’affrontare i problemi del mondo dell’impresa. Meloni sta distruggendo l’offerta turistica balneare italiana, ma nella infantile difesa corporativa del comparto è convinta di essere nel giusto. Equivoci, inversioni a U, prese in giro alle imprese, promesse di Pulcinella: lo spettacolo della maggioranza sui balneari è inguardabile e insopportabile”, concludono i 5 Stelle.
Primo piano
La ricostruzione

Morto in moto a Grosseto, chi era il dentista Lapo Bernardi e la testimonianza: «Ho visto la manovra fatale»

di Maurizio Caldarelli