Il Tirreno

Ucraina: Odessa e gli artisti che non se ne vanno 'per continuare a esistere'

29 maggio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Kiev, 29 mag. (Adnkronos) - C'è un gruppo di artisti che ha deciso di non andarsene da Odessa, nonostante la guerra. Sono entrati nelle vecchie fabbriche distrutte e hanno deciso di stabilirvi i loro atelier. Senza turisti e regolarmente colpita dai missili, la città ucraina sul Mar nero resiste anche così, grazie ai giovani che non l'abbandonano. Il Guardian racconta di Vasya Dmytryk, uno di quegli artisti che ha scelto di rimanere, e del suo studio, a pochi metri dalla battigia, un'accogliente grotta di libri, strumenti e sculture di metallo sospese al soffitto. Sul suo banco di lavoro c'è una scultura in rame e acciaio che ricorda la forma di un drone. "Come artisti abbiamo una missione molto chiara", dice al quotidiano britannico: "Raccogliere fondi per l'esercito". "Sono davvero attaccato a Odessa", aggiunge. "Le cose che amo e a cui tengo sono qui. Sentivo che non avrei potuto vivere senza". All’inizio della guerra, l'artista aveva valutato se, nel caso in cui la città fosse stata occupata dai russi, "sarebbe rimasto e avrebbe cercato di proteggere la cultura ucraina, oppure se ne sarebbe andato e avrebbe cercato di preservare la cultura di Odessa in altre città del Paese". La sua amica, l’artista e curatrice museale Valeriia Nasedkina, ha spiegato: "Se tutti se ne vanno, cosa succede allora? Con la nostra presenza qui, insistiamo sul fatto che esistiamo ancora". Nasedkina e il suo collega Volodymyr Chyhrynets sono curatori del Museo Nazionale delle Belle Arti di Odessa, un elegante edificio neoclassico dell'inizio del XIX secolo nel centro della città. A novembre, un missile da crociera ne ha colpito la facciata, facendo saltare le finestre e piovere intonaco dai soffitti sulle opere d'arte, devastando la strada e mettendo fuori servizio l'ala amministrativa dell'edificio. La maggior parte delle opere d'arte storiche del museo era già stata evacuata in sicurezza. Dmytryk ha preso parte all'iniziativa di volontariato iniziata il 24 febbraio 2022: è andato al museo in bicicletta all'alba per svolgere il suo lavoro, durato un mese, di smontaggio, imballaggio e salvaguardia dell'enorme collezione. Al momento dell’attacco del novembre 2023, nel museo c’era una mostra temporanea e sulle pareti erano rimaste alcune tele molto grandi del XIX secolo, alcune delle quali saltarono letteralmente fuori dalle cornici a causa delle onde d’urto, ha detto Nasedkina. Nonostante l'attacco, il museo è ancora operativo, anche se la maggior parte delle sue eleganti gallerie sono vuote. "Prima di adesso, l'ultima volta che lo era stato fu durante la Seconda Guerra Mondiale", ha detto Nasedkina. Ora alcune sale ospitano mostre di artisti contemporanei. Una di queste riguarda delicati acquerelli botanici di fiori di campo, realizzati sulla linea del fronte di Bakhmut da Borys Eisenberg, un ex vivaista che si offrì volontario il primo giorno dell'invasione della Russia e fu ucciso nel luglio 2023. Un'altra è di Dmytryk: una scultura realizzata con chiodi provenienti dal cantiere di riparazione delle barche, che sterzano e si scontrano in schemi complessi mentre magneti invisibili vengono attivati ​​sotto di loro. Mentre si muovono, la loro ruggine crea un “disegno” su un foglio di carta sottostante: una metafora, dice Dmytryk, per la comunità di artisti di Odessa.
Primo piano
Le previsioni

Meteo in Toscana, polvere dal deserto e 40 gradi: arrivano “cielo giallo” e caldo record – Video

di Tommaso Silvi