Il Tirreno

Riforme: E.Cattaneo, 'faccio mia proposta La Russa 2021 su senatori a vita'

28 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 28 mag. (Adnkronos) - "È sul primato della parola, come contributo primario e assoluto ai lavori parlamentari, che si fonda l'emendamento che ho presentato, in cui si prevede che i voti dei senatori a vita non siano computati nelle votazioni di fiducia di cui all'articolo 94 della Costituzione". Così la senatrice a vita Elena Cattaneo intervenendo in Senato nella discussione sul ddl Casellati. "Questo - ha precisato - per allontanare dai Senatori a vita l'ombra di una loro politicizzazione quali soggetti determinanti, con la partecipazione alle votazioni di fiducia, della vita e della stabilità di un governo. "La soluzione proposta -ha spiegato Cattaneo- non è un inedito parlamentare, anzi, è una ipotesi ricorrente nella letteratura scientifica di settore: ricordo specialmente un disegno di legge costituzionale della scorsa legislatura, il n. 2081, promosso dal senatore Ignazio La Russa, allora Vice Presidente del Senato e oggi Presidente, e dallo stesso senatore Alberto Balboni, il cui testo disponeva che 'I senatori a vita partecipano a pieno titolo ai lavori del Senato, fatta eccezione per i voti di fiducia al Governo'." "In tal senso - ha concluso la senatrice a vita - dichiaro fin d'ora di non avere nulla in contrario nel riformulare il testo del mio emendamento esattamente come da proposta di legge costituzionale n. 2081, La Russa-Balboni del 29 gennaio 2021, ovvero: 'I senatori a vita partecipano a pieno titolo ai lavori del Senato, fatta eccezione per i voti di fiducia al Governo'", conclude la scienziata.
Primo piano
Lavoro e diritti

Amadori annuncia il licenziamento di 200 lavoratori in Toscana: sciopero il 20 giugno