Il Tirreno

**Conflitto interessi: Conte ritira firma da pdl, 'non in mio nome' **

28 maggio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Roma, 28 mag. (Adnkronos) - "La legge delega" del governo sul conflitto d'interssi "significa buttare la palla in tribuna. E' un antipasto di premierato? Perchè qui stiamo parlando di proposte di iniziativa legislativa in quota opposizione che vengono sistematicamente depennate, affossate. E non in un quadro di dibattito parlamentare ma per iniziativa del governo". Così Giuseppe Conte in aula alla Camera chiedendo di eliminare la delega al governo sulla proposta di legge sul conflitto di interessi a sua prima firma. "State assistendo al dilagare dei casi di corruzione. Avete ascoltato l'Anac? Nei comuni sopra i 15mila abitanti, 1 su 4 è coinvolto da inchiesta 1 comune su 4 in inchieste, la corruzione dilaga. La politica cosa sta offrendo? L'ennesimo stratagemma per non occuparsi di una questione così vitale. Cosa vi spaventa? Abbiate un sussulto di dignità: votate con noi", incalza Conte. Una richiesta non soddisfatta. E quindi il leader M5S ha annunciato il ritiro della propria firma dalla proposta. "Ancora una volta ci siamo illusi, purtroppo credo si voglia certificare di voler combattere la magistratura che fa inchieste, non si vuole risolvere il problema della trasparenza: e allora fatelo senza il mio nome, senza il nostro nome. Ritiro la mia firma".
Primo piano
Aiuti

Assegno per il nucleo familiare, scatta la rivalutazione: ecco a chi spetta e gli importi

di Leonardo Monselesan