Il Tirreno

Lodi: gdf scopre 3 false onlus per accoglienza migranti, aggiudicati bandi per 8 mln

14 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Milano, 14 mag. (Adnkronos) - I militari della guardia di finanza del Comando provinciale di Lodi hanno accertato un danno erariale di oltre 5 milioni di euro ai danni delle prefetture di Lodi, Parma e Pavia, relativo a contributi pubblici utilizzati per finalità privatistiche ed estranee rispetto ai servizi di accoglienza dei migranti e richiedenti asilo cui erano destinati, per il quale la procura regionale presso la sezione giurisdizionale per la Lombardia della Corte dei Conti sta procedendo sul conto di 11 persone fisiche e 3 soggetti giuridici. In particolare, gli accertamenti erariali hanno preso avvio dalla valorizzazione delle risultanze di pregresse indagini penali condotte dai militari del dipendente nucleo di polizia economico-finanziaria di Lodi (per le quali è già intervenuta una sentenza di condanna emessa dalla Corte d’Appello di Milano), concernenti un’associazione per delinquere dedita alla commissione di delitti contro il patrimonio e la fede pubblica finalizzati all’indebita aggiudicazione, per il tramite di 3 onlus appositamente costituite e sedenti in Lombardia, di numerosi bandi di gara emessi dalle predette prefetture per il servizio di accoglienza dei migranti e richiedenti asilo. Le indagini svolte dalle fiamme gialle lodigiane hanno evidenziato, in capo a 11 soggetti, l'utilizzo delle onlus approfittando dello stato di necessità e urgenza dettato dall’arrivo emergenziale di migranti, con il solo obiettivo di ottenere l’affidamento dei servizi di accoglienza, aggiudicandosi illecitamente, nel periodo dal 2014 al 2018, risorse finanziarie per oltre 8 milioni di euro in relazione a 29 bandi di gara. Al contempo sono stati accertati l’utilizzo sistematico di false fatturazioni per attestare l’erogazione di servizi di accoglienza in gran parte non resi, rendicontare spese in realtà non sostenute e coprire consistenti prelievi di denaro atti a distogliere risorse pubbliche conseguite, nonché la realizzazione di ulteriori artifizi e raggiri quali la presentazione del medesimo documento fiscale per le rendicontazioni relative ad aggiudicazioni diverse, l’attestazione di prestazioni lavorative in realtà non rese e l’indebita destinazione di una parte dei fondi per finalità diverse da quelle previste. Sulla scorta della ricostruzione investigativa effettuata e degli accertamenti svolti sulla consistenza patrimoniale, in sede di invito a dedurre, la magistratura contabile di Milano ha notificato agli 11 soggetti responsabili un provvedimento di sequestro conservativo, per effetto del quale sono stati sottoposti a vincolo 9 beni immobili, 21 autoveicoli, 37 rapporti di conto corrente, 4 quote di partecipazioni societarie e 9 crediti da rapporto di lavoro. Da ultimo, l’ag contabile ha citato a comparire in udienza le 11 persone e le 3 onlus ai fini del pagamento, in favore delle prefetture di Lodi, Parma e Pavia, dell’importo di oltre 5 milioni di euro, pari al danno erariale definitivamente accertato, al netto delle spese effettivamente sostenute.
Le ultime
La tragedia

Valtellina, chi sono i tre militari del soccorso alpino della Guardia di finanza morti in Val Masino