Il Tirreno

Mo: Erdogan, 'Netanyahu responsabile paralisi negoziati '

12 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Ankara, 12 mag. (Adnkronos/Dpa/Europa Press) - Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha attribuito al governo israeliano e al suo primo ministro, Benjamin Netanyahu, la colpa dell'attuale paralisi dei negoziati per porre fine al cessate il fuoco nella guerra di Gaza e ha assicurato che il leader israeliano "sarebbe l'invidia di Hitler" sulla base dei "metodi genocidi" che usa nell'enclave. "Hamas ha accettato il cessate il fuoco, ma Israele non smette di trovare scuse. Non vuole che le ostilità finiscano perché quello che vuole è occupare tutta Gaza", ha detto il presidente turco in un'intervista al quotidiano greco 'Kathimerini'. Erdogan, che rifiuta di riconoscere Hamas come organizzazione terroristica e si considera un alleato del suo leader politico, Ismail Haniyeh, ha affermato che il movimento palestinese "cerca solo di recuperare le terre occupate da Israele e di rilanciare l'iniziativa per uno Stato palestinese". "Inoltre, Hamas ha promesso che, se ciò dovesse accadere, smantellerà il suo braccio armato e continuerà il suo percorso esclusivamente come partito politico per lavorare per una soluzione sostenibile e permanente", ha aggiunto. Il presidente turco ha poi rinnovato le sue critiche contro Netanyahu, che "ha raggiunto un livello tale da fare invidia a Hitler con i metodi genocidi che sta utilizzando" nell'operazione sulla Striscia di Gaza. "Prima della guerra, prima ancora della guerra, quel posto non era una prigione a cielo aperto, come un campo di concentramento? Come chiameresti qualcuno che fa piovere bombe su quel posto?", ha chiesto il presidente turco.
Primo piano
In strada

Autovelox, le nuove regole sulla velocità e i limiti in città