Il Tirreno

Mo: Open Arms, 'vuoto irreparabile' dopo raid contro team Wck

02 aprile 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Gaza, 2 apr. (Adnkronos/Dpa/Europa Press) - Il fondatore di Open Arms Oscar Camps ha parlato di "vuoto irreparabile" dopo l'attacco da parte dell'esercito israeliano contro un veicolo nel quale si trovavano diversi operatori umanitari della ong World Central Kitchen, sette dei quali hanno perso la vita. "Siamo feriti per la morte dei civili a Gaza e ora anche dal vuoto irreparabile lasciato dalla perdita dei nostri compagni di squadra della World Central Kitchen". L'ong aveva dichiarato prima dell'attacco che “gli operatori degli aiuti umanitari e i civili non dovrebbero mai essere un bersaglio". Il fondatore di Wck José Andrés ha invitato Israele a "fermare le uccisioni indiscriminate". Ha anche esortato le autorità israeliane a "smettere di limitare gli aiuti umanitari" all'enclave, a smettere di "uccidere civili e operatori umanitari" e a "smettere di usare il cibo come arma". L'esercito israeliano ha già annunciato l'apertura di una "indagine approfondita" sugli eventi e ha sottolineato la sua "cooperazione e coordinamento" con la ong "per sostenere i suoi sforzi volti a fornire cibo e aiuti umanitari ai residenti della Striscia di Gaza". I lavoratori della World Central Kitchen si trovavano nell'enclave palestinese nell'ambito della missione umanitaria avviata insieme a Open Arms per realizzare un corridoio umanitario marittimo tra Cipro e la Striscia di fronte alle enormi difficoltà incontrate dalle operazioni di ingresso degli aiuti via terra.
Primo piano
Governo

Bonus da 80 euro nella tredicesima: ecco a chi spetta. Cosa è previsto nella bozza del decreto