Il Tirreno

Lombardia: Forte, 'l'integrazione passa attraverso il lavoro'

27 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Milano, 27 mar. (Adnkronos) - Promuovere canali di ingresso regolari, percorsi di formazione professionale a cura di enti accreditati e l’avviamento al lavoro. Sono i punti cardine del progetto di legge, illustrato oggi in Commissione Affari Istituzionali e inserito nel contesto delle politiche migratorie ispirate dall’Unione europea e condivise dal governo. Il progetto di legge, di cui è primo firmatario e relatore il presidente della Commissione Matteo Forte (FdI), intende introdurre "un modello alternativo a quello dell’accoglienza diffusa e generalizzata" in tema di immigrazione al fine di favorire la pacifica convivenza e il contrasto all’illegalità. In particolare, la proposta, firmata da tutti i consiglieri regionali di Fratelli d’Italia, prevede l’istituzione della Consulta lombarda per l’immigrazione, composta da rappresentanti degli enti locali, del terzo settore e delle associazioni sindacali e dei migranti, con l’obiettivo di fare sintesi delle esigenze del tessuto economico e produttivo, per stilare un fabbisogno di manodopera su cui tracciare il decreto flussi; la firma di protocolli tra Regione, prefetture e questure a tutela delle vittime di sfruttamento; la definizione del diritto a non emigrare, introducendo misure volte a promuovere lo sviluppo e il lavoro nei Paesi di origine, come progetti di cooperazione e di rimpatrio assistito. Un capitolo è infine dedicato alla prevenzione e al contrasto dell’estremismo islamico: "Il modello multiculturalista -ha detto il presidente Forte- è fallito e serve un approccio di tipo repubblicano. La nostra proposta di legge si mette sulla scia di due atti del governo, il Decreto Flussi e il Piano Mattei. E’ necessario che l’ingresso degli stranieri sia regolare e la loro presenza sul territorio controllata. Nel rispetto dei paletti della normativa nazionale, occorre dunque trovare lo spazio per governarne le ricadute a livello regionale e locale. Una vera inclusione passa attraverso il lavoro e la realizzazione della persona seguendo percorsi strutturati e realmente solidali che mettano d’accordo esigenze del Paese, offerte di lavoro e immigrazione". All’illustrazione è seguito il dibattito in cui sono intervenuti Onorio Rosati (Avs), Gianmario Fragomeli e Carmela Rozza (Pd), Michela Palestra (Patto Civico) e Ivan Rota (Forza Italia). Dopo le festività pasquali saranno programmate le audizioni con le associazioni e le istituzioni interessate.
Primo piano
La tragedia

Tamponamento sulla A22, muore camionista di Pisa di 25 anni: lascia una bambina piccola