Il Tirreno

Turismo: Fi, semplificare tassa soggiorno, soldi a comuni e investimenti mirati

26 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 26 mar. (Adnkronos) - Cambiare le norme sulla tassa di soggiorno. E' la richiesta che Forza Italia presenta, in un atto di indirizzo approvato in Commissione Finanze del Senato. Nel testo, tra le altre raccomandazioni si chiede di creare "un modello impositivo" relativo a questa riscossione "improntato a criteri di chiarezza, semplicità di gestione, incisività, immediatezza del prelievo e gradualità, quantificando l'imposta in importi - decisi dai singoli comuni - proporzionalmente progressivi alla tariffa applicata per il pernottamento, nei limiti già previsti dall'attuale legge nazionale". Inoltre si chiede di "prevedere che i Comuni si dotino di un sistema di riscossione digitale, diretto ed indipendente dalle strutture ricettive, le quali saranno fornite di tali sistemi - a spese del Comune di appartenenza - e potranno così svolgere un ruolo di mero controllo", per "prevedere" inoltre "che le attività ricettive che non riescono ad ottemperare a questo ruolo per mancanze strutturali, come ad esempio le locazioni brevi non imprenditoriali, potranno avvalersi dell'intermediazione dei portali di prenotazione". Terzo punto poi "definire con maggiore incisività, anche con strumenti a carattere sanzionatorio, il vincolo di destinazione previsto dalla legge, per le spese effettuate dai comuni con le risorse assegnate con il gettito ripartito, prevedendo che gli introiti siano dedicati dai Comuni, ad investimenti sul settore turistico, anche attraverso il coinvolgimento delle categorie, e che la spesa sia rendicontata annualmente ad organi pubblici preposti".
Primo piano
Turismo

Il ponte del 25 aprile? Sulle piste a sciare: «Nevicata eccezionale». Ecco gli impianti aperti in Toscana