Il Tirreno

Ia: Ronzulli, 'mi farò promotrice per legge che regolamenti in modo chiaro'

12 febbraio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Roma, 12 feb. (Adnkronos) - "Al parlamento spetta la responsabilità di norme chiare, efficaci e consapevoli, che affrontino in modo organico la materia dell’Intelligenza artificiale. C’è bisogno di una legge nazionale, di cui mi farò promotrice. Con l’IA, infatti, dobbiamo essere pronti ad affrontare la sfida della modernità, ma anche a varare un codice di condotta, regolamentando a livello legislativo il suo utilizzo. L’Ue sta avendo da apripista con l’Artificial intelligence act, per contenere la possibilità che l’Ia possa andare a pescare nei dati di ogni cittadino, ma il provvedimento entrerà in vigore nel 2026. Nel frattempo, al centro dei nostri pensieri deve essere il cittadino. Abbiamo davanti una sfida. Vincerla significa mantenere in perfetto equilibrio i due piatti della bilancia: innovazione e protezione. Promuovendo, da un lato, le opportunità che può garantire al nostro sistema produttivo, dall’altro tutelando i diritti e le libertà individuali”. Così, la senatrice di Forza Italia e vice presidente del Senato, Licia Ronzulli, intervenendo all’incontro “Generare per condividere, dai sintetici per un uso etico dell’intelligenza artificiale”, organizzato da Aindo.
Il caso
Il presidente della Regione

Studenti manganellati a Pisa, Giani: “C’era un’indicazione, violenza spropositata. Piantedosi chiarisca”

Le nostre iniziative